Questo sito contribuisce alla audience di TGCOM24
Esteri

Cina: Hu Jintao apre il Congresso del Partito in una Pechino blindata

Per evitare di ostacolare la transizione, gli attivisti più pericolosi sono stati arrestati, e agli uccelli è stato impedito di volare

(Credits: AP Photo/Lee Jin-man)

E alla fine è cominciato. Abbiamo cercato di anticiparne i contenuti, di ipotizzare i nomi dei politici che gestiranno la seconda potenza economica del mondo nel decennio in cui quest'ultima potrebbe addirittura superare gli Stati Uniti, e che getteranno contemporaneamente le basi per una transizione epocale. Di cui, ovviamente, nessuno conoscerà mai i dettagli fino al momento in cui non sarà stata completata.

Il discorso con cui il Presidente uscente Hu Jintao ha aperto il 18° Congresso del Partito comunista è durato cento minuti e ha toccato temi scottanti come la necessità di implementare riforme (non ben definite) e di combattere la corruzione. Ribadendo che la priorità del Partito resterà quella di favorire l'interesse del popolo e che il futuro della Cina continuerà ad essere legato all'economia.

Per molti Hu Jintao è stato vago. Fin troppo per un Presidente che avrebbe invece dovuto dimostrare che il Partito è unito e, soprattutto, ha già deciso come affrontare i problemi del Paese. E invece tanta ambiguità testimonierebbe per molti analisti che il Politburo è in difficoltà. Del resto, per la prima volta non è ancora chiaro non solo quali saranno i potenti del Comitato Permanente, ma nemmeno quanti saranno. Perché nessuno ha ancora sciolto il mistero sul numero dei suoi componenti, che da nove potrebbero passare a sette.

L'unica (e ben poco rassicurante) certezza è sulle rigidissime (e un po' bizzarre) misure di sicurezza approvate per proteggere Pechino in giorni tanto delicati: alcuni attivisti sono stati raggiunti al telefono, e invitati a non allontanarsi da casa. Altri, considerati potenzialmente più pericolosi, sono stati direttamente arrestati o costretti agli arresti domiciliari. Senza motivo. Infine, in città è stato imposto il divieto di far uscire i piccioni dalle gabbie, acquistare aeroplanini giocattolo e di aprire i finestrini posteriori dei taxi. Per evitare che persone poco raccomandabili possano usarli per distribuire "messaggi non graditi".

© Riproduzione Riservata

Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>