News

7 mesi di show e proteste a 5 Stelle in Parlamento

Dall'apriscatole all'occupazione del tetto di Montecitorio: grillini sempre sulle barricate

 

Una cosa bisogna ammetterla: ai parlamentari grillini non manca certo la fantasia. Dal giorno del loro ingresso nei Palazzi del Potere, senatori e deputati del Movimento 5 Stelle sono diventati gli specialisti della protesta. Rumorosa o silenziosa, colorata, esagerata, a volte maleducata: dal rimanere seduti davanti a Giorgio Napolitano appena rieletto a fare il gesto delle manette verso gli altri colleghi, non si sono fatti, e non ci hanno fatto, mancare niente. "E' l'unico modo che abbiamo per attrarre l'attenzione dei media su certi argomenti come l'attacco in atto contro la nostra Costituzione" spiega a Panorama.it Filippo Gallinella, il deputato umbro che insieme ad altri 11 "cittadini" (non sopportano di essere chiamati "onorevoli") ha occupato il tetto di Montecitorio contro l'avvio dell'iter di riforme costituzionali votato dalla Camera. E che, lamentandosi del disinteresse dei giornalisti per il loro lavoro, punzecchia anche la cronista: "Mi avevi promesso che la prossima volta che ci saremmo sentiti avremmo parlato di agricoltura - sono fatti così: se la legano al dito - e adesso sei in debito due volte".

Una delle tante iniziative - quella di occupare il tetto del Parlamento come i cassintegrati a rischio licenziamento - proposte in assemblea e approvate, giura Gallinella, sempre all'unanimità. "Si decide cosa fare e poi ci si dividono i compiti, questa volta, per esempio, è toccata a me". E non c'è mai nessuno che magari vorrebbe, per imbarazzo, tirarsi indietro o che si sia pentito di qualcosa? "No, mai". Sono certi, loro, di non aver mai esagerato e che piuttosto sia questo governo a farlo volendo "violentare la Costituzione". "I violenti non siamo noi che saliamo sui tetti - rivendica con orgoglio Gallinella - ma chi già parla di presidenzialismo". 

E quindi quando vi calmerete? "Quando ci sarà un governo 100% 5 Stelle", allora mai..."Chi può dirlo? Magari Napolitano cambia idea. Intanto decide tutto lui, no?". Impertinenti fino alla fine, questi grillini, al punto che se pure si ritrovassero a governare da soli finirebbero, con ogni probabilità, a protestare anche contro loro stessi.

© Riproduzione Riservata

Commenti