Politica

Parlamento europeo: funzioni, composizione e storia

Gli eurodeputati, Paese per Paese, i compiti dell'assemblea, le altre istituzioni: una scheda per capire l'appuntamento del 25 maggio - Lo speciale Europee 2014

Parlamento Europeo

Il Parlamento europeo rappresenta i cittadini dell'Unione. A seguito dell'adesione della Croazia il numero degli europarlamentari era salito a 766, ma le prossime elezioni ne eleggeranno 751 , numero che rimarrà invariato anche nel futuro. Gli europarlamentari eletti rappresentano 500 milioni di cittadini. Gli eurodeputati sono democraticamente eletti a suffragio universale ogni cinque anni. Ogni Stato membro ha le proprie leggi elettorali e ciascuno stabilisce le date in cui i cittadini andranno alle urne durante il periodo elettorale di quattro giorni compreso fra il 22 e il 25 maggio 2014. Gli elettori italiani voteranno il 25 maggio per eleggere 73 deputati. I risultati di tutti i 28 Stati saranno annunciati la sera di domenica 25 maggio.

L'Italia è uno dei pochi paesi dell'Unione che per l'elezione dei membri dell'Europarlamento ha adottato un sistema dove è possibile esprimere una doppia preferenza di genere (uomo – donna). Ogni Stato elegge un numero di membri proporzionale alla densità della popolazione.
 

Schermata-2014-05-12-a-10.46.14.png
Schermata-2014-05-12-a-10.46.37.png
Schermata-2014-05-12-a-10.46.47.png

LA STORIA

Il primo Parlamento europeo si è riunito a Bruxelles nel 1979, tra i primi eurodeputati eletti vi era anche Altiero Spinelli autore del Manifesto di Ventotene e al quale oggi è dedicata una targa celebrativa e un'area del Parlamento. Le sedi del Parlamento Europeo sono Bruxelles e Strasburgo dove si svolge la sessione plenaria una settimana al mese, e poi Lussemburgo dove vi sono alcuni uffici amministrativi.
A seguito del Trattato di Lisbona del 2009, queste elezioni avranno una particolare importanza. La nomina del prossimo candidato alla guida della Commissione Ue dovrà tenere conto del risultato delle elezioni di maggio. In autunno per la prima volta sarà il Parlamento ad eleggere il nuovo Presidente.
Non a caso su 13 partiti politici europei, cinque hanno già nominato un candidato per sostituire l'attuale presidente della commissione. L'EPP ha nominato Jean-Claude Juncker, ex primo ministro del Lussemburgo ed ex presidente dell'Eurogruppo, il PES ha candidato Martin Schulz, attuale presidente del Parlamento Europeo, i Liberali e i Democratici hanno optato per Guy Verhofstadt, ex primo ministro del Belgio e attuale leader del gruppo dei Liberali al PE, i Verdi hanno nominato una coppia di deputati, il francese José Bové e il tedesco Ska Keller, mentre la Sinistra Europea ha proposto Alexis Tsipras, leader del partito greco SYRIZA.

FUNZIONI

Quali sono le funzioni del Parlamento europeo: la formulazione delle leggi e l’approvazione del bilancio annuale dell'UE, sono poteri che condivide con il Consiglio dei ministri (i 28 governi nazionali dell'UE), un po' come accade in un sistema bicamerale.
Il Parlamento ha anche poteri di controllo o di supervisione sulle altre istituzioni dell'UE: controlla il loro operato e come spendono il denaro dei contribuenti. Commissione Ue e Consiglio sono chiamati a rispondere periodicamente alle interrogazioni che gli eurodeputati gli presentano su temi specifici. Per garantire la responsabilità della politica monetaria europea, il presidente della Banca centrale europea riferisce alla commissione per gli affari economici e monetari ogni tre mesi e presenta inoltre al Parlamento la relazione annuale della Banca.   Da ultimo, gli europarlamentari possono portare istanze locali all'attenzione della politica europea.
I deputati sono divisi in venti commissioni permanenti dove si svolge la maggior parte del proprio lavoro. Il Presidente del Parlamento europeo, dura in carica due anni e mezzo, rappresenta il PE nel mondo esterno, presiede le sessioni plenarie e sovrintende a tutto il lavoro del Parlamento affiancato da 14 vicepresidenti
La responsabilità della gestione interna del Parlamento spetta a organismi diversi: le decisioni politiche sono prese dalla Conferenza dei presidenti, composta dal Presidente del Parlamento europeo e dai leader dei gruppi politici; le questioni finanziarie, organizzative e amministrative sono gestite dall'Ufficio di presidenza, composto dal Presidente e dai Vicepresidenti; infine, le questioni amministrative e finanziarie spettano al  Collegio dei Questori composto da cinque eurodeputati.

LE ALTRE ISTITUZIONI

Sono il Consiglio europeo che riunisce i capi di Stato o di governo degli Stati membri e il Presidente della Commissione Europea. Ha un presidente eletto per due anni e mezzo. Il Consiglio Ue definisce i grandi orientamenti per l'azione dell'Unione. Non esercita alcuna funzione legislativa. Ha sede a Bruxelles. E il Consiglio Ue (detto semplicemente “Consiglio”): si compone dei ministri degli stati membri che si riuniscono a seconda dei temi all'ordine del giorno (Economia; Trasporti, agricoltura....) Insieme al Parlamento adotta le leggi di bilancio europeo. La presidenza spetta a ciascuno Stato membro, a turno, per sei mesi. L'Italia adotterà la presidenza a partire dal 1° luglio. Infine,
la Commissione europea: propone e applica le leggi della Ue. E' il ramo esecutivo dell'Unione Europea. Si compone di 27 commissari indipendenti, nel senso che non operano con vincolo di mandato verso il proprio Paese, ma a tutela dell'Unione tutta. Propone le leggi al Parlamento e al Consiglio, esegue le loro decisioni e vigila sul rispetto dei Trattati.

© Riproduzione Riservata

Commenti