Questo sito contribuisce alla audience di TGCOM24
News

Omicida e vittima si chiamano Matteo Biggi, 29 anni, portuali. Omonimi

Una coincidenza pazzesca. Il killer accoltella a morte il suo doppio per gelosia verso la sorella

Mi odio ma ti uccido.La storia dei due Matteo.

– Credits: Web

Matteo Biggi, 29 anni, portuale, ha ucciso Matteo Biggi, 29 anni, portuale. Una sola coltellata al petto che ha perforato i polmoni. Cosa? Chi è che si è ucciso? Matteo Biggi? No, non è un suicidio. È un omicidio. Erano due i Mattei. Stessa età, stesso lavoro, stessa città. Si chiamavano allo stesso modo. Omonimia del destino. Unico il gesto che li ha accomunati, che ha condannato a morte il primo e annichilito a vita il secondo.

I poliziotti all’inizio non capiscono, scorrono le generalità sui documenti e scuotono la testa. Rileggono, non ci credono. Anche i giornalisti faticano a inquadrare il caso. I primi lanci d’agenzia sono di ieri sera, parlano di lite tra familiari: Matteo era cugino di Matteo. E invece no, erano estranei del tutto omonimi. Estranei, ma non sconosciuti l’uno all’altro. La prima volta che si sono presentati ci avranno pure scherzato sopra, non potendo sapere come sarebbe andata a finire. La sorella del primo era un’amica, forse era stata la ragazza, del secondo. Matteo ha ucciso (è stato ucciso) per gelosia. Gli altri, quelli che li conoscevano, camalli raccolti nella Sala Chiamata del porto di Genova, frequentatori della palestra della Compania unica dei portuali di Genova, sapevano che Matteo e Matteo erano figli di soci della Compagnia. I papà portuali, entrambi in pensione.

La notizia lascia a bocca aperta. Paul Auster, scrittore innamorato delle coincidenze che non sono solo coincidenze (e del doppio, tema perenne della letteratura mondiale) ha materia per un formidabile romanzo. Qui la verità supera la fantasia. Non è credibile.

Storia perfetta per una tragedia greca: lo sviluppo drammatico è insito nei nomi dei protagonisti, si sviluppa inesorabile all’interno di quel rapporto ambiguo, nell’ inconsapevolezza di ragazzi “gemelli” segnati dal destino.

Matteo Biggi e Biggi Matteo. Il primo, la vittima, una figura solare: già all’Accademia di Belle Arti, un talento per il disegno, con bozzetti che riempiono il profilo facebook forte di centinaia e centinaia di contatti, fortunato con le donne e amante della vita, sportivo, inguaribilmente positivo. L’altro, l’assassino, una figura notturna: introverso, ombroso, disturbato, alle spalle una storia d’amore infelicemente interrotta, e un rientro malinconico da un viaggio dalla rabbrividente Scozia, cultore di savate (la boxe delle periferie povere francesi) che appena l’altro giorno gli ha procurato la rottura del naso e un colpo alla testa e, dicono, lo ha fatto impazzire. Nessun profilo fb. Ovvio.

Matteo B e Matteo B. Il giorno e la notte. Il bene e il male. L’Uno e il suo Altro. La felicità e l’orrore. L’amore e la morte. Due vite, uno specchio. Ricordate il libro di Eric-Emmanuel Schmitt, “La parte dell’altro”? Una doppia biografia di Hitler che ricostruisce l’altra possibile vita di Adolf. L’Hitler cattivo è quello che conosciamo. L’Hitler buono è quello che sarebbe stato, se l’8 ottobre 1918 fosse stato ammesso, come desiderava, all’Accademia di Belle Arti. Due Hitler possibili, due percorsi paralleli.

“Il Secolo XIX” cita un racconto di Edgar Allan Poe in cui il protagonista, William Wilson, tormenta un suo omonimo (e coetaneo) fino allo scontro finale in cui lo accoltella a morte (salvo poi scoprire di aver colpito uno specchio): “Tu hai vinto e io muoio, ma d’ora innanzi anche tu sei morto, morto al mondo, al Cielo e alla speranza! Tu esistevi in me, e ora tu vedi nella mia morte, in questa stessa immagine che è la tua, come abbia assassinato te stesso!”. Matteo Biggi il bello, l’ucciso, abitava in vista del mare a Poggio di Apparizione. Si respira invece l’assillo e l’assedio del porto nelle strettoie di Via Vesuvio, quartiere Lagaccio, dove abita l’altro Matteo, il killer depresso.

Il respiro e l’affanno. La luce e l’oscurità. L’arte e l’omicidio. La coltellata di Matteo a Matteo ha ribaltato il mondo e spezzato il doppio. L’alter ego si è trasformato nell’Ego immensamente triste (e solitario) dell’omicida accecato dalla gelosia, dalla follia. E dall’invidia. Di se stesso.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>