Politica

#vinconoglialtri, M5S sotto choc

Beppe Grillo e vertici 5Stelle ancora non commentano i dati ma sul blog i militanti si disperano

Attesa per i risultati del voto nella sede del M5S all'Eur a Roma – Credits: Alessandro Di Meo

L'obbiettivo è vincere e fare qualcosina in più del Pd”. All'uscita dal seggio dove intorno alle 15 di domenica pomeriggio era andato a votare con la moglie in sella al suo scooter, Beppe Grillo aveva rilasciato ai giornalisti poche battute e irritualmente sobrie.

Come se un presentimento negativo avesse attraversato la sua mente, il leader del M5S aveva scaramanticamente invitato ad attendere i risultati, visto che “le cose possono essere tutto o il contrario di tutto”, e a munirsi di Maalox “per noi o per gli altri”.

Ma già alla chiusura delle urne, davanti ai primi exit poll e man mano che uscivano le proiezioni e i dati ufficiali delle sezioni effettivamente scrutinate e riportati sul sito del ministero dell'Interno, il sospetto che il Maalox toccasse a loro, ai grillini, si è via via fatto una possibilità sempre più concreta.

Nell'albergo dell'Eur, a Roma, dove sono radunati deputati e senatori pentastellati, la prima a prendere la parola, ma per non dire niente, è stata l'ex capogruppo alla Camera Roberta Lombardi, “sarà una lunga notte – si è limitata a dichiarare davanti ai giornalisti – parleremo quando avremo dati più certi”.

Alle scorse politiche gli exit poll sottostimarono clamorosamente il risultato dell'esordiente Movimento 5 Stelle e la speranza di queste ore, che va via via spegnendosi con il passare delle stesse, è che possa in qualche modo ripetersi il miracolo.

Ma mentre tra i big nessuno parla, posta o twitta, sul blog di Beppe Grillo è un profluvio di commenti tra lo sconsolato, "non so se svenire o mettermi a piangere... domani sarò in lutto" e l'incavolato, "è ufficiale, gli italiani vengono via per 80 euro". C'è anche chi fa autocritica, "abbiamo usato toni troppo alti" e chi denuncia i soliti fantomatici brogli, "fosse per me ricontrollerei i Voti, per me c'e la fregatura, che ne dite?".

Grillo, da parte sua, non proferirà verbo almeno fino a lunedì quando dovrebbe palesarsi attraverso un videomessaggio mentre, nel primo pomeriggio, davanti a Montecitorio sarà allestito un banchetto da dove senatori e deputati commenteranno i primi dati delle amministrative e quelli ormai definitivi delle europee.

A questo punto c'è da chiedersi se Beppe manterrà la promessa fatta all'inizio di aprile, quella di andarsene a casa in caso di sconfitta, “su una cosa non ho dubbi - aveva detto - o vinciamo, o stavolta davvero me ne vado a casa. E non scherzo”.

Intanto c'è attesa anche per i risultati nelle singole regioni. Un segnale non positivo per le speranze dei 5Stelle poteva forse già essere letto nel dato sull'affluenza in Sicilia, tra i più bassi d'Italia, in quella che avrebbe dovuto essere la terra del sorpasso e dove invece il Pd è avanti come nel resto d'Italia. Molto avanti.

Troppo avanti per aggrapparsi all'illusione del recupero dopo aver sognato il sorpasso.

© Riproduzione Riservata

Commenti