News

Mi offro per tenere aperto il Colosseo

Il simbolo di Roma non sarà aperto alla Notte dei Musei per il "no" dei custodi. L'ennesima figuraccia di un paese allo sbando - La difesa dei custodi

Alcune danzatrici davanti al Colosseo durante uno spettacolo – Credits: Getty Images

Ok, l’avete voluto. Mi offro. E mi offro pure di trovare altri 4 colleghi di “Panorama” (uno ce l’ho già) pronti a fare i custodi volontari sabato 17 maggio al Colosseo, il numero sparuto necessario per evitare la magra mondiale di una capitale della cultura (Roma, mi vien da ridere) che non riesce a tenere aperto il suo simbolo, l’Anfiteatro Flavio, nella “Notte dei musei”. Se il punto è dare in pasto ai curiosi qualche data, qualche dato e qualche aneddoto, dirigere il traffico di visitatori e staccare il biglietto, abbiamo quasi la presunzione di poterci sostituire a chi lo fa normalmente.

C’è chi ha proposto di usare i galeotti ricorrendo “al lavoro di pubblica utilità per i condannati nei processi penali” (Cosimo Ferri, sottosegretario alla Giustizia). Ma i custodi di mestiere chiamati allo straordinario per 80 euro (ah la benedizione-maledizione degli 80 euro ai tempi dell’Imperatore Matteo…!) hanno risposto “no”. Il lavoro è tanto, dicono, troppi i rischi perché il biglietto a 1 euro richiamerà folle epocali, e la paga leggera. Ma 80 euro lordi in poche ore, non sono più o meno quelli promessi da Renzi per un mese? Per il ménage dei custodi, evidentemente, non è abbastanza. 

L’amor proprio, l’amore per il proprio lavoro, il sentimento di appartenere a una comunità, la sensibilità per la figura che tutti insieme si fa agli occhi del mondo, tutto questo non conta. I sindacati si oppongono, resistono. (Altro mantra: resistere, resistere, resistere.) Chiunque lavori è chiamato a volte a dare di più, anche gratis. Il panettiere a sfornare qualche pagnotta in più. Il funzionario di banca a restare qualche altro minuto allo sportello per concludere un’operazione. L’insegnante a fare tardi per correggere i compiti per il giorno dopo. E se in Italia prevalesse il rifiuto dei guardiani del Colosseo? E se quel rifiuto avesse già prevalso? Il sospetto è forte. Le conseguenze, più gravi di una notte bianca mancata. Altro che civiltà del passato. La nostra è inciviltà del presente.   

PS: In America le notti nei musei sono in vendita per party di compleanno. I ragazzi giocano, gustano brioche e imparano qualcosa trascorrendo serate fascinose tra cimeli che appartengono a età non poi così attraenti e lontane come quelle dell’antica Roma. Lo straordinario è ordinario. Il volontariato un’abitudine. 

© Riproduzione Riservata

Commenti