Renzi ed il ‘coraggio’ (degli altri)

Afferma Matteo Renzi: “se vinco il PD va al quaranta per cento e ci sono maggiori possibilita’ di vincere le politiche”. E c’e’ da credergli. I social network riportano la crescente frustrazione dei 30-40 enni un tempo abbaccinati dal mito …Leggi tutto

Afferma Matteo Renzi: “se vinco il PD va al quaranta per cento e ci sono maggiori possibilita’ di vincere le politiche”. E c’e’ da credergli. I social network riportano la crescente frustrazione dei 30-40 enni un tempo abbaccinati dal mito berlusconiano ed ora alla disperata ricerca di un nuovo modello liberale che riscaldi un popolo politicamente smarrito che non potra’ ritrovarsi dentro le primarie del pdl gia’ ingombre di personaggi equivoci e, comunque, assai poco innovativi. E non sono solo l’arruolamento dei Gori o gli endorsement dei politologi alla Sofia Ventura a testimomiare il consenso di cui Renzi gode tra chi nel centro destra gia’ si sente o professa ex. . Sono molto di piu’ i “like” di quella parte di elettorato potenziale che si dividera’ tra chi lo sosterra’ apertamente presentandosi domenica ai seggi e tra coloro che insofferenti alla “schedatura” preventiva lo faranno certamente, in caso di vittoria, al ben piu’ importante appu
ntamento elettorale. La principale arma utilizzata dai suoi detrattori potrebbe, in definitiva, rivelarsi la sua piu’ potente risorsa. Ed e’ nella pacifica coscienza di cio’ che le truppe bersaniane hanno rispolverato tutti quei canoni da vecchio pci utili a sbarrare la strada al sindaco di Firenze. Primo tra tutti il sottile venticello della calunnia, con la facile accusa di essere, in realta’, un candidato nel campo sbagliato, portatore di idee piu’ in sintonia con i mercati che con le istanze della Cgil o l’acchiappanuvolismo vendoliamo. Un eretico insomma da archiviare in fretta e rispedire in riva all’Arno. Gli argomenti sono deboli ma il potere evocativo non e’ mai mancato a vecchi compagni e giovani turchi. Ma stavolta poco potra’ sulla vera variabile indipendente di queste primarie: la maggioranza silenziosa dei moderati che, aborrita by definition dalla “meglio gioventu’” e dintorni, guardera’ solo ed esclusivamente al rottamatore che, ai loro occhi, ha osato cio’ che nessun “formattatore”ha mai nemmeno comiciato, in realta’, a pensare. Servirebbe solo un po’ di coraggio. Ma, si sa, non e’ merce che abbonda. Ed e’ questa poverta’ l’unica vera nemica di Renzi.

© Riproduzione Riservata

Commenti