Il futuro (energetico) dell’Italia, di Grillo e Bersani

Stavo dando un’occhiata alla SEN, la strategia energetica nazionale licenziata dal governo qualche settimana fa. Mi chiedo chi si prenderà la briga di far capire ad un soggetto come uno Scibona o a un Pepe per dire, oltre che al …Leggi tutto

Stavo dando un’occhiata alla SEN, la strategia energetica nazionale licenziata dal governo qualche settimana fa.

Mi chiedo chi si prenderà la briga di far capire ad un soggetto come uno Scibona o a un Pepe per dire, oltre che al loro messia riccioluto, che l’unica via per rilanciare il paese è far calare la bolletta energetica. E che, nell’attesa che nel 2050 le rinnovabili possano coprire il 30-35% del fabisogno nazionale, sarà necessario investire nelle infrastrutture del gas, la fonte massiva più pulita oggi disponibile.

E magari far capire anche a Bersani che con questi talebani che hanno riunito il peggio del peggio dell’ambientalismo radicale ed antagonista, il paese imboccherà una strada di non ritorno. Verso la recessione permanente.

© Riproduzione Riservata

Commenti