ELOGIO DEL ROTTAMATORE

C’e’ una categoria desueta che mai avrebbe pensato di assurgere un giorno a mantra della dialettica politica: i rottamai. Si proprio loro quegli omaccioni dimessi, perennemente in tuta da lavoro, unti di grasso fino alla radice dei capelli. Si loro, …Leggi tutto

C’e’ una categoria desueta che mai avrebbe pensato di assurgere un giorno a mantra della dialettica politica: i rottamai. Si proprio loro quegli omaccioni dimessi, perennemente in tuta da lavoro, unti di grasso fino alla radice dei capelli. Si loro, i gestori di quelle cataste di auto e di ferrovecchio che nessuno voleva sull’uscio di casa. Quei trangugiatori di birra dal rutto facile con il pacchetto di MS arrotolato nella manica della t-shirt estiva di colore sempre indefinito. Quei disseminatori di catarri post sputacchiera. Pensa l’ironia della sorte, da umanita’ negletta a arma di distruzione di massa. Son soddisfazioni.

© Riproduzione Riservata

Commenti