Esteri

Trump, la Casa Bianca e il grande caos

Dopo solo dieci giorni cacciato anche il nuovo direttore della comunicazione Scaramucci. Il primo gesto del capo staff, John Kelly, un militare al comando

scaramucci

Anthony Scaramucci, ex capo della comunicazione della Casa Bianca - 31 luglio 2017 – Credits: Chip Somodevilla/Getty Images

Donald Trump twitta "Non più caos alla Casa Bianca" ma la realtà è un'altra e racconta una storia completamente diversa.

Dopo soli 10 giorni di insediamento, un altro uomo lascia la squadra del presidente Usa. È Anthony Scaramucci, nominato direttore della comunicazione al posto di Sean Spicer, un fedelissimo che avrebbe dovuto gestire i rapporti (difficili) di Trump con la stampa.

Cosa è successo

Ma così non è andata. Galeotta è stata una telefonata di Scaramucci con un giornalista del New Yorker in cui per spiegare i difficili rapporti all'interno della Casa Bianca e la situazione di tensione, il nuovo portavoce di Trump si sarebbe lasciato andare a definizioni "colorite" sul capo dello staff Reince Priebus ("pazzo schizofrenico") accusato di passare informazioni ai media oltre a un'altra lunga serie di volgarità per spiegare la situazione interna attaccando pesantemente anche il consigliere Steve Bannon.

Detto, fatto. Via Scaramucci. Il nuovo capo dello staff John Kelly, il vero uomo al comando della Casa Bianca appena insediato, non ci ha pensato due volte. La Casa Bianca in una nota ha comunicato che "Scaramucci ha ritenuto che fosse meglio dare al capo dello staff, John Kelly, una 'tabula rasa' per costruire la propria squadra. Gli auguriamo tutto il meglio".

Chi è Scaramucci

Scaramucci, 53 anni, milionario, figlio di italo-americani, repubblicano, ex manager di Goldman Sachs, grande sostenitore del presidente per il quale molto si era speso durante la campagna elettorale, amico dei figli Donald jr e Ivanka, è stato membro della squadra di transizione che ha gestito dall'8 novembre al 20 gennaio il passaggio di consegne tra la squadra di Barack Obama e quella dell'attuale presidente.

Soprannominato "Mooch" a Wall Street, dopo l'esperienza in Goldman Sachs ha fondato prima la società di investimenti Oscar Capital Management, poi la  SkyBridge Capital di cui a gennaio aveva venduto ogni azione sicuro di un coinvolgimento (arrivato poi molto in ritardo e, a questo punto, finito male) nella squadra di Trump. Solo pochi giorni dopo la nomina, la moglie, Deidre Ball sposata solo 3 anni fa, ha chiesto il divorzio perché detestava Trump e le ossessioni dell'ex marito nei suoi confronti.

Perché è importante

I commentatori più vicini alla Casa Bianca non hanno tuttavia dubbi. La defenestrazione di Scaramucci è il primo atto formale di Kelly, un militare al vertice dello staff della Casa Bianca (non accadeva dai tempi di Nixon), ex segretario della sicurezza interna a cui lo stesso Trump ha attribuito il merito di aver applicato il Travel Ban. Ha preso il "comando" ha dichiarato la portavoce della Casa Bianca Sara Huckabee Sanders. Tutti i dipendenti del Campidoglio ora dovranno "fargli rapporto". 

Il linguaggio della Casa Bianca è diventato quello dell'esercito dunque. Del resto Trump voleva che si riportasse ordine all'interno dei suoi fedeli seguaci e del partito dei Repubblicani in un momento in cui l'America si trova tra le minacce di missili della Corea del Nord, nel pieno di una crisi diplomatica con la Russia, in una difficile relazione con il Venezuela devastato dalla dittatura nascente di Maduro. E in una situazione interna difficile con il fallimento di qualisiasi tentativo di revisione e sostituzione dell'Obamacare e del sistema fiscale americano. Due perni della campagna elettorale di The Donald. Messo sempre di più con le spalle al muro.

Per saperne di più

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti