Si è svolto a Washington l'incontro tra il premier italiano Paolo Gentiloni e il presidente USA Donald Trump.

"È un onore essere alla Casa Bianca, abbiamo avuto un incontro molto fruttuoso che riflette una antica amicizia, come ha ricordato Trump. Un'amicizia testimoniata anche dai 18 milioni di americani di origini italiane e anche dal fatto che l'Italia è la seconda destinazione all'estero per gli studenti americani, dato che ci fa essere molto orgogliosi e che dà l'importanza della dimensione culturale del nostro Paese". Sono state queste le parole del nostro presidente del Consiglio in conferenza stampa alla Casa Bianca

Il confronto, a quanto raccontano fonti italiane, è stato centrato sui principali dossier di politica estera, dall'Iraq alla Siria, dalla Libia all'Afghanistan. Con un passaggio sull'Europa. E proprio mentre era in corso il colloquio "riservato", ha purtroppo fatto irruzione la notizia dell'attacco terroristico agli Champs Èlysée di Parigi, riferita ai due leader dallo staff della Casa Bianca.

Dopo il vertice, Gentiloni è volato direttamente a Ottawa, dove avrà un bilaterale con il premier canadese Justin Trudeau.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Corea del Nord: gli obiettivi di Trump

Sale la tensione con Pyongyang che parla di risposta a un eventuale attacco americano. L'America mostra i muscoli ma punta a una soluzione diplomatica

Il "nuovo" Donald Trump

Alleato contro i terroristi ma cane sciolto nella partita a scacchi con il resto del mondo

Commenti