Militanti dell'Isis hanno decapitato in piazza, davanti a decine di persone uno studioso di archeologia nell'antica città siriana di Palmira e appeso il suo corpo su una colonna del sito storico. Lo ha detto oggi il direttore delle Antichità e dei musei siriani Maamoun Abdulkarim citato dal Guardian. Abdulkarim ha spiegato di essere stato informato della dalla famiglia di Khaled Asaad, 82 anni, della morte dello studioso per oltre 50 anni direttore delle Antichità di Palmira.

LEGGI ANCHE: Isis, il video per i turchi: "Conquistiamo Istanbul"

 

Abdulkarim ha detto che l'Isis aveva arrestato un mese fa Al Asaad e da allora lo aveva interrogato nella speranza di avere informazioni su dove fossero stati eventualmente nascosti reperti romani del sito prima dell'occupazione dello Stato islamico. Khaled Asaad era stato direttore del sito archeologico di Palmira per 40 anni, fino al 2003. Dopo il pensionamento, ha riferito la Sana, aveva continuato a lavorare come esperto per il Dipartimento dei musei e delle antichità. Era stato autore di diversi libri e testi scientifici anche in collaborazione con colleghi stranieri. (ANSA)

I miliziani dello Stato Islamico hanno conquistato la città siriana di Palmira lo scorso mese di maggio. Il sito è uno dei luoghi più ricchi di testimonianze dell'antichità del paese. Poco dopo la conquista, l'Isis ha diffuso un video con l'esecuzione di 25 militari siriani nell'anfiteatro romano di Palmira. (ANSA)

 
© Riproduzione Riservata

Commenti