La terza giornata del Papa in Polonia in occasione della 31/ma Giornata Mondiale della Gioventù vive un momento storico: la visita ad Auschwitz-Birkenau.

Papa Francesco è arrivato poco dopo le nove, in elicottero, a Oswiecim, la località polacca dove i nazisti allestirono il lager di Auschwitz, una delle più impressionanti macchine dello sterminio sistematico di milioni di persone, in maggioranza ebrei.

- LEGGI ANCHE: Il Papa dona 100 mila euro al Museo di Auschwitz

La visita prevede vari momenti, dalla sosta alla "piazza dell'appello" a quella al "muro della morte", alla cella dove morì di fame Massimiliano Kolbe. Papa Bergoglio non ha fatto discorsi pubblici ma ha incontrato alcuni sopravvissuti e alcuni giusti tra le nazioni che gli hanno mostrato le loro foto durante il periodo di prigionia.

"Signore, abbi pietà del tuo popolo! Signore, perdona tanta crudeltà": è il messaggio scritto in spagnolo che Papa Francesco ha lasciato al campo di concentramento di Auschwitz. A diffondere il messaggio del Papa è in un tweet il Museo Memoriale di Auschwitz.

Lasciato Auschwitz, dal quale è uscito da solo e a piedi, come era entrato, si è poi recato al campo di concentramento di Birkenau a pochi chilometri dal primo.

(post in aggiornamento)

 
© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti