Obama punta sul cavallo di Romney

Il candidato repubblicano farà un'altra visita a Londra in occasione della cerimonia inaugurale dei Giochi Olimpici. Obama punta proprio sul denaro per metterlo in difficoltà: il suo team elettorale starebbe investigando sul suo patrimonio personale

In passato, le Olimpiadi gli hanno portato fortuna, successo e denaro. E' accaduto quando era a capo del comitato organizzativo dei Giochi Invernali di Salt Lake City. Forse è anche per questo che Mitt Romney ha deciso di volare a Londra in occasione della cerimonia inaugurale. In fondo, si tratta di una vetrina mondiale. E per l'occasione, è stata organizzata anche una cena di raccolta fondi per la sua campagna elettorale.

Il gotha della finanza della City, tra cui molti manager americani, si ritroverà accanto al candidato repubblicano per una serata il cui prezzo d'ingresso è stato fissato a 2.500 dollari, mentre coloro che siederanno nei posti più esclusivi devolveranno tra i 50.000 e i 75.000 dollari. Il Boston Globe ha dato un'occhiata alla lista degli invitati. Vicino a Mitt Romney siederà Patrick Durkin, un potente lobbista della Barclay's a Londra, un manager specializzato nella raccolta fondi.

Molti i banchieri presenti (tra cui i top manager di Goldman Sachs e dell'HSBC), il rappresentante legale della Bain Capital a Londra ed Eric Varvel, il capo esecutivo della banca d'investimenti della Credit Suisse, di origine mormone, grande amico dell'ex governatore del Massachusetts.

Nel suo viaggio londinese, Mitt Romney probabilmente dimenticherà le polemiche nate dopo il suo intervento contestato alla convention annuale della Naacp, la piu' importante associazione che si batte per la difesa dei diritti degli afroamericani; i fischi sono partiti quanto il candidato repubblicano ha detto che una volta eletto alla Casa Bianca "eliminerà la riforma sanitaria voluta da Barack Obama".

Metterà da parte quella disavventura, ma rischia di attirare l'attenzione su di una tema (la ricchezza di cui dispone personalmente e come candidato del GOP) che si sta facendo sempre più presente sui media che seguono la battaglia per la presidenza.

I milioni di dollari messi a disposizione da decine di finanziatori per la sua campagna elettorale, ma anche quelli che appartengono al suo patrimonio e a quello della sua famiglia, potrebbero diventare un'arma in più nella mani di Barack Obama. Che intende usarla.

Non è un caso che il team elettorale del presidente abbia deciso di focalizzare il suo impegno su questo fronte; una sorta di inchiesta su di alcune società off shore che apparterrebbero alla galassia della Bain Capital, l'impresa fondata dallo stesso Romney. Il New York Times in un recente editoriale ha chiesto al candidato repubblicano di fare chiarezza su queste società e di rendere pubbliche le sue dichiarazioni dei redditi.

Mitt Romney ha risposto di non avere nulla da nascondere. "Ho sempre pagato il dovuto, secondo la legge", ha detto in una recente intervista a Fox News, ma la macchina di propaganda di Barack Obama pensa che quello della ricchezza occulta sia il tema che potrebbe mettere in grave difficoltà il rivale.

Non solo. L'idea è che sia necessario puntare su questo fronte di guerra per distogliere l'attenzione dell'opinione pubblica da un altro, quella della disoccupazione. Gli ultimi dati relativi al mese di giugno dicono che il numero di senza l avoro non è calato.

Barack Obama punta sul cavallo dei "misteri" del patrimonio personale di Mitt Romney per batterlo. La sua strategia avrà effetto o sarà vissuto solo come un diversivo dall'elettorato statunitense?

© Riproduzione Riservata

Commenti