Obama ai finanziatori: aiuto!

Per il secondo mese consecutivo Barack Obama ha perso la gara di raccolta fondi per la campagna elettorale con Mitt Romney. I democratici sono molto allarmati. E ora bombardano di mail e di richieste le centinaia id migliaia di piccoli donatori che foraggiarono l'impresa di Obama nel 2008. Aiutateci o in novembre perdiamo!

Barack Obama

Se per curiosità o per scelta, in passato, avete per caso lasciato il vostro indirizzo mail al sito Obama for America, probabilmente vi ha mandato un messaggio Ann Marie Habershaw, il capo dell'ufficio operativo della campagna del presidente per darvi due notizie, una buona e l'altra cattiva, e farvi una richiesta: soldi.

La notizia buona, secondo Ann è la seguente: giugno è stato il mese di maggiore raccolta fondi. Più di 700.000 persone hanno donato denaro, portando l'intero ammontare della cifra entrata nelle casse democratiche nel mese di giugno a 71 milioni di dollari.

La cattiva notizia? Per i democrats è solo una: Mitt Romney per il secondo mese consecutivo ha sbaragliato la concorrenza (B.O.), raccogliendo la cifra (quasi) record di 106 milioni di dollari nei soli 30 giorni di giugno.

Per Ann Marie Habershaw l'allarme è rosso. Nella sua mail, spiega che un tale gap di raccolta fondi rischia di diventare un grosso problema in vista delle elezioni. "Non sto scherzando. Se non riusciamo a stare dietro ai finanziamenti repubblicani diventa veramente difficile pensare di vincere in novembre".

Ma è giustificato tale grido di allarme? Se è vero che le prossime rischiano di diventare le elezioni più costose della storia americana , è anche vero che Barack Obama si è alienato troppe simpatie nei circoli finanziari che contano (Wall Street) per pensare di poter attingere a quelle casse per la sua macchina di propaganda elettorale.

Per questo, ha deciso di mobilitare la base, quella che nel 2008 a forza di piccole donazioni riuscì a finanziare la sua vittoria. Il comitato per la rielezione ha deciso di bombardare con appelli tutti coloro che sono entrati nella mailing list di Obama for America e tutti coloro che quattro anni fa avevano dato soldi e disponibilità.

Persone che permisero a Barack Obama di battere un record che il presidente ancora detiene: quello assoluto di raccolta di fondi elettorali in un solo mese, 150 milioni di dollari, nel settembre del 2008.

Anche questo è un modo per fare vedere che il presidente è più vicino al ceto medio che alle élite; più prossimo alla gente comune che ai vip. Ma soprattutto , questi appelli sono un tentativo di recuperare quell'atmosfera, quell'attivismo di migliaia e migliaia di persone, come quattro anni fa.

Non solo una necessità finanziaria da parte del comitato per Obama, ma anche e soprattutto un'opportunità politica, un'arma in più in vista di novembre.

Per questo, milione più o milione meno, dollaro in più o dollaro in meno, se per caso, per curiosità o per scelta, siete finiti sulla mailing list di Ann Marie Habershaw, troverete ancora suoi messaggi con un appello e una richiesta: money e mobilitazione.

© Riproduzione Riservata

Commenti