Obama è il peggior presidente degli Stati Uniti

Lo dice un sondaggio. La sua popolarità non è stata mai così bassa.  I democratici e Hillary Clinton ne fanno le spese

– Credits: Getty Imagines / Win Mcnamee

Che sarebbe stato un presidente da record si era compreso all'epoca della sua elezione. Ma che sarebbero stati così negativi nessuno se lo aspettava. E invece Barack Obama ha sorpreso tutti: è diventato il peggior presidente degli Stati Uniti da 70 anni a questa parte. Altro che Obamamania: qui siamo alla Barackdepressione. Nei grafici del consenso il segno negativo non era mai stato così in basso da decenni per un inquilino della Casa Bianca. Obama è riuscito nell'impresa di battere anche George W. Bush. Finora era stato lui il presidente meno stimato dagli americani. Barack gli ha soffiato il posto.

Reagan il più amato

Il sondaggio è della prestigiosa Quinnipiac. I risultati non danno alcuna incertezza. Per il 33% degli americani Obama è il peggior presidente dalla Seconda Guerra Mondiale. Solo l'8% degli intervistati lo considera il migliore. Per lui si tratta di uno schiaffo. Sonoro. Il record era di Bush Junior. Lo aveva conquistato convincendo il 28% degli americani di essere (stato) The Worst (Il Peggiore). Un ceffone ancora più doloroso se si pensa al fatto che Richard Nixon quando dette le dimissioni per lo scandalo Watergate era considerato il peggiore solo dal 13% del campione allora interpellato.

Il presidente più amato secondo questa speciale classifica è Ronald Reagan. L'icona repubblicana è stato considerato il miglior presidente dal 1945 a oggi dal 35%. Seguono poi Bill Clinton (18%) e John Fitzgerald Kennedy (15%). Per Obama un risultato disastroso. Doveva essere il cambiamento. Era atteso come il Migliore. Si è ritrovato in fondo alla classifica: la maglia nera.

Ridateci Romney !

Questo triste primato rischia di affondare il partito democratico alle elezioni di Medio Termine. Obama sembra inesistente. Non fa breccia. E questo nonostante le continue  apparizioni pubbliche. Gli americani lo considerano un disastro in politica estera. Non vogliono un impegno maggiore degli Usa in Iraq ma non capiscono le eccessive prudenze del comandante in capo. Non apprezzano poi la sua politica interna. Il Congresso a maggioranza repubblicana blocca tutte le iniziative della Casa Bianca ma Obama non riesce a portare a casa risultati nonostante la debolezza politica del GOP. Una presenza troppo evanescente.

Secondo il sondaggio Quinnipiac il 45% degli interpellati pensa ora che sarebbe stato meglio eleggere Mitt Romney. Non è la maggioranza. Ma non è distante dall'esserlo.

Calo di popolarità anche per Hillary

Non solo Barack Obama batte record negativi. Ora anche Hillary Clinton mostra i primi segni di difficoltà. Secondo un’indagine Nbc/Wall Street Journal il gradimento nei confronti della ex First Lady è sceso di quattro punti percentuali, passando dal 48 al 44%, da aprile a oggi. L'ex segretario di stato inizia già a stancare prima ancora di iniziare la corsa ufficiale per la Casa Bianca? Si ha questa impressione. Hillary è ovunque e forse il pubblico americano la percepisce già come un "prodotto" vecchio. L'uscita  del suo libro di memorie sembra essere stata un boomerang. Invece di darle ossigeno e freschezza l'ha fatta apparire come un politico sulla breccia da tempo. Conoscendo la sua biografia e gli americani poteva essere altrimenti?

© Riproduzione Riservata

Commenti