Esteri

Mandela si sta spegnendo e l’Anc dilapida la sua eredità

Il suo lascito politico è stato tradito dall’African national congress, al potere dal 1994 ma diviso e travolto dalla corruzione

Mandela

2010. Mandela pubblica la sua seconda biografia – Credits: (Ap Photo/Debbie)

CHE COSA È SUCCESSO
Nelson Mandela, 94 anni, è in ospedale gravemente malato. Il suo lascito politico è stato tradito dall’African national congress, al potere dal 1994 ma diviso e travolto dalla corruzione. Il leader dell’Anc e presidente, Jacob Zuma, è insidiato dal suo vice, l’ex sindacalista Kgalema Motlanthe. Il congresso del partito, cominciato il 16 dicembre, ha evidenziato la spaccatura mantenendo al vertice Zuma e ipotecando la sua ricandidatura per il 2014. Le accuse di avere utilizzato soldi pubblici per la residenza privata l’hanno solo scalfito. Ma il vero problema è il distacco dell’Anc dalla sua gente, evidenziato dalla strage di 34 minatori in sciopero, uccisi ad agosto dalla polizia. Con la crisi, il Sud Africa ha perso 1 milione di posti di lavoro e, in 20 anni, l’Anc non è riuscita neppure a garantire a tutti acqua ed elettricità.

CHE COSA HANNO SCRITTO
«Non ha importanza chi è il presidente, Zuma o Paperino. Quello che conta è la sua capacità di garantire alla gente una vita migliore» sostiene con una battuta sul Financial Times l’analista politico Aubrey Matshiqi, per spiegare il punto di non ritorno raggiunto dal Sud Africa. Sul Wall Street Journal Thomas Mashigo non sembra avere dubbi: «Stiamo combattendo per le nostre posizioni personali, non più nell’interesse del popolo». Nel centenario movimento antiapartheid, i nodi vengono al pettine fra anime nazionaliste, nuovi ricchi e populisti sempre più distaccati dalla realtà. Per Mashigo c’è il rischio che il partito «ci muoia fra le mani». Sowetan, uno dei quotidiani più letti in Sud Africa, prevede un futuro cupo: «Il governo userà violenza e arroganza contro le legittime richieste della gente. Il popolo utilizzerà sempre più misure estreme per fare riconoscere i suoi bisogni. Lo scontro è inevitabile».

CHE COSA SUCCEDERÀ?
È riduttivo legare il destino del Sud Africa alle sorti di Mandela. Tuttavia è chiaro che l’attuale dirigenza dell’Anc manca della legittimità politica e della necessaria capacità di visione per affrontare le sfide che il Sud Africa ha di fronte. La strage dei minatori d’agosto ha evidenziato la rottura del patto sociale che legava l’Anc alla sua base, fin dalla rivoluzione. E questo è pericoloso. All’orizzonte non si intravedono figure in grado di dare una svolta alla situazione politica, neppure tra le file dell’opposizione. Tuttavia, non credo che le istituzioni sudafricane siano a rischio.

Il parere di Lia Quartapelle
ricercatrice all’Istituto per gli studi di politica internazionale, esperta di Africa australe

Leggi Panorama on line

© Riproduzione Riservata

Commenti