Sean Spicer
Esteri

La Casa Bianca perde un altro pezzo: si dimette Spicer, portavoce di Trump

In contrasto con la nomina del nuovo direttore della comunicazione. Per il tycoon un altra grana nel già delicato rapporto con i media

Sean Spicer si è dimesso da portavoce del presidente Usa Donald Trump. Lo riferiscono media americani, apparentemente in contrasto con il presidente per la nuova nomina del direttore della comunicazione, Anthony Scaramucci.

- LEGGI ANCHE: Trump, per i media è un terno al lotto

Secondo le prime indiscrezioni, Sean Spicer sarebbe molto contrariato ma garantirà la sua collaborazione per agevolare la transizione del nuovo direttore della comunicazione indicato da Trump, Anthony Scaramucci, che - sempre stando a fonti citate dai media Usa - ha accettato l'offerta del presidente e assumerà il nuovo ruolo alla Casa Bianca a breve.

Non è chiaro al momento chi invece diventerà il portavoce, il press secretary, carica distinta da direttore della comunicazione e che rappresenta il volto della Casa Bianca ed è il tramite tra il presidente e i media.

Spicer ricopriva entrambi i ruoli, anche se da tempo non teneva i briefing quotidiani nella sala stampa della Casa Bianca, affidati alla sua vice Sarah Huckabee Sanders.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti