TURCHIA-INCIRLIK
Esteri

Gli Stati Uniti iniziano a bombardare l'Isis dalla Turchia

Partiti i raid con i caccia F-16 dalla base di Incirlik, nel sud del Paese

13 agosto

Gli Stati Uniti hanno lanciato i primi attacchi con i caccia F-16 dalla Turchia contro l'Isis in Siria, segnalando un'escalation nella campagna area che va avanti da un anno e che si è attirata critiche perché ritenuta troppo cauta. L'annuncio è affidato ad uno stringato comunicato del Pentagono, in cui si spiega gli F-16 sono partiti dalla base di Incirlik, nel sud della Turchia.

LEGGI ANCHE: Guerra all'Isis, a che cosa puntano Stati Uniti e Turchia

Nessun dettaglio sul numero o sul tipo di attacchi, ma neanche su quanti F-16 abbiano partecipato a queste prime missioni. Dalla stessa base di Incirlik è dall'inizio del mese che partono droni armati, ma l'impiego di F-16 conferisce una nuova dimensione alla campagna contro l'Isis, in parte per i rischi a cui vengono esposti i piloti nell'affrontare le difese aree siriane e di altri paesi. Il Pentagono però ritiene che Incirlik presenti molti vantaggi, fra i quali la vicinanza ai target dei jihadisti nel nord della Siria. Gli F-16 di base in Turchia sono complessivamente sei e sono arrivati nel paese da Aviano.

I caccia sono equipaggiati con strumenti di sorveglianza e di riconoscimento, che possono essere usati per verificare le informazioni fornite da chi collabora con gli Stati Uniti in Siria e in Iraq. Gli Stati Uniti hanno ottenuto dalla Turchia il consenso a usare la base di Incirlik alla fine di luglio, dopo una trattativa durata mesi. I due governi - secondo indiscrezioni - starebbero ora lavorando alla messa a punto di un memorandum of understanding che dovrebbe determinare i termini in base ai quali gli aerei turchi dovrebbero essere integrati nella campagna aerea contro l'Isis.

Ieri Ankara ha comunicato che sono stati espulsi dal paese oltre 700 'foreign fighters' che cercavano di entrare in Siria. In tutto il 2014 i presunti aspiranti jihadisti stranieri intercettati erano stati 520. Dall'inizio della guerra in Siria nel 2011 sono piu' di 1.800. Dal canto suo l'Isis continua a minacciare gli Stati Uniti. Secondo quanto riportato dalla Cbs, l'organizzazione potrebbe pubblicare una nuova lista di nomi e indirizzi email, con relative password, di militari e staff delle ambasciate Usa. La 'Hacking Division', la divisione hackeraggio dell'Isis, rivendica infatti di essersi infiltrata nei pc delle forze armate americane, conquistando l'accesso a foto, indirizzi, carte di credito di centinaia di persone nell'Esercito, nella Marina e al Dipartimento di Stato. Le autorita' Usa sono consapevoli della rivendicazione del cyberattacco e stanno verificando l'accuratezza.


 

24 luglio

16:00 - Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan, ha illustrato la svolta che ha portato a colpire per la prima volta obiettivi jihadisti e ha anticipato che le operazioni antiterrorismo potrebbero durare "3 o 4 mesi" periodo durante il quale "il Paese non puo' assolutamente permettersi di rimanere senza governo", in riferimento alla necessità di formare il nuovo esecutivo. Dichiarandosi soddisfatto "per le misure e i provvedimenti presi", il presidente turco ha assicurato che "la lotta ad organizzazioni terroristiche, qualunque sia la loro matrice, va avanti". Sulla possibilità di nuove operazioni Erdogan non si è pronunciato, preferendo far presente che "nei 13 anni al potere" il suo partito "ha fatto tutto il possibile per pacificare l'area curda ed eliminare le organizzazioni terroristiche", un processo di pace il cui esito si è rivelato diverso da quello atteso "anche per gli sviluppi in Siria, che hanno ridato fiato a chi voleva l'indipendenza e vanificato i nostri sforzi".

13:30 - I raid degli F-16 turchi contro postazioni dell'Isis rappresentano "un passo diverso" che Ankara ha dovuto intraprendere a causa dei "cambiamenti nel nord della Siria": lo ha spiegato il presidente Recep Tayyip Erdogan, dopo che per la prima volta le forze turche hanno colpito obiettivi jihadisti. Erdogan ha confermato che la base aerea turca di Incirlik potrà essere impiegata dalla coalizione anti-Isis, sia pure "in una certa cornice" di regole. La nuova linea di Ankara arriva dopo che lunedi' scorso un kamikaze turco simpatizzante dell'Isis aveva fatto strage di 32 giovani a Suruc, nel sud della Turchia. Parlando con i giornalisti a Istanbul, Erdogan ha spiegato che c'e' stato "un primo passo" contro l'Isis e ha confermato di aver concordato con il presidente Usa, Barack Obama, di combattere insieme contro la minaccia del Califfato. Commentando le retate antiterrorismo lanciate dalle forze turche, il presidente turco ha assicurato che proseguiranno le "azioni decisive" contro l'Isis e i militanti curdi e di sinistra che ha avvertito che dovranno deporre le armi o "pagarne le conseguenze" (dopo le foto gli altri aggiornamenti)

12:17 - I raid turchi hanno distrutto tutti gli obiettivi dell'Isis che minacciavano il confine tra Siria e Turchia. Lo ha detto il premier turco, Ahmet Davutoglu, secondo quanto riferisce Al Arabiya.

10:00 - Tre caccia F-16 dell'aeronautica militare turca hanno bombardato tre obiettivi del gruppo jihadista Stato islamico in Siria facendo almeno 35 vittime. Lo ha reso noto l'ufficio del primo ministro Ahmet Davutoglu, confermando quanto riferito in precedenza da una fonte del governo. Il comunicato spiega inoltre che i caccia sono decollati dalla base aerea di Diyarbakir, nel sudest della Turchia, e negli attacchi (durati circa cinque minuti) hanno colpito due centri di comando dell'Isis e un "punto di raccolta". La fonte che aveva anticipato la notizia ha dichiarato che "i caccia turchi non hanno oltrepassato il confine turco nell'operazione" e hanno colpito bersagli oltre il confine vicino alla città turca di Kilis. Uno scontro a fuoco avvenuto ieri nella stessa zona aveva provocato la morte di un soldato e di un militante.

- Al via un'operazione antiterrorismo: sono più di 290 le persone arrestate nell'operazione antiterrorismo condotta dalle forze di sicurezza turche a Istanbul e in altre 16 province della Turchia. I blitz sono stati condotti contro militanti Isis e il Pkk. "Blitz simultanei sono stati condotti contro un alto numero di persone sospettate di preparare operazioni contro i civili", riferisce l'ufficio del premier. "In totale, sono state arrestate 297 persone, di cui 37 stranieri, appartenenti a gruppi terroristici".

- LEGGI ANCHE: La strage di Suruk e la strategia di Erdogan
- LEGGI ANCHE: La strage di Suruk e gli obiettivi dell'Isis

7:00 - Unlteriore svolta della Turchia dopo la strage di 32 giovani turchi a Suruc, al confine con la Siria ad opera dei miliziani dell'Isis e l'uccisione ieri di un soldato. Ankara, riferisce la Bbc, ha concesso l'uso della grande base aerea Usa di Incirlik, che dista soli 120 km dalla Siria, per consentire agli aerei da guerra Usa, ed anche ai jet britannici, di colpire le postazioni dello Stato Islamico.

L'accordo, dopo mesi di trattative, accelerate dagli ultimi eventi, è stato raggiunto mercoledì sera in una telefonata tra Barack Obama e il presidente turco Recep Tayyip Erdogan. L'uso di Incirlik, costruita dagli americani nel 1951 e che ospita truppe turche, americane e britanniche e decine di aerei da guerra, rappresenta una svolta nel strategia Usa contro Isis perchè è molto più vicina alla roccaforte di Isis come Raqqa ed è la più grande base Usa nella regione.

Usata contro Saddam Hussein nella I Guerra del Golfo del 1991 ma non nella II del 2003, finora il governo turco aveva sempre opposto un netto rifiuto alla base di Incirlik, nel sud-ovest del Paese, per far decollare gli aerei da guerra della coalizione internazionale a guida Usa che dallo scorso 23 settembre bombardano le roccaforti di Isis in Siria. Ora i due attacchi ad opera di Isis contro cittadini turchi hanno fatto apparentemente cambiare idea a Erdogan, finora accusato di aver invece favorito il gruppo del sedicente califfo Abu Bakr al Baghdadi pur di ottenere la caduta del suo ex amico, Bashar el Assad.

Ankara ha consentito a migliaia di combattenti invaghiti da Isis di attarversare la frontiera e, come testimoniato le immagini diffuse da quotidiano Cumhuriyet, facendo aver agli uomini di al Baghdadi armi, consegnate dagli 007 turchi.

6:50 - Blitz della polizia turca in 13 province: 251 persone sono state arrestate in quanto sospettate di sostenere jihadisti dell'Isis e miliziani curdi del Pkk. "Un totale di 251 persone sono state arrestate per appartenenza a gruppi terroristici", ha annunciato il governo di Ankara, in un comunicato. I raid delle forze di sicurezza sono arrivati all'indomani dell'attacco a un posto di confine, lungo la frontiera con la Siria, in cui jihadisti dell'Isis hanno ucciso un soldato e ne hanno feriti altri due. Solo a Istanbul sono stati eseguiti 140 blitz in 26 quartieri, in un'operazione alla quale hanno partecipato 5mila agenti, con elicotteri e forze speciali. Nelle stesse ore, tre caccia-bombardieri F-16 hanno colpito tre postazioni di Isis in Siria, senza violare lo spazio aereo di Damasco.  

 

ALTRI ATTACCHI CONTRO LE FORZE ISIS

----------------

23 luglio

La Turchia ha fermato quest'anno quasi 600 sospetti militanti dell'Isis, di cui 102 sono stati arrestati. Lo ha detto il vicepremier turco Bulent Arinc. Finora, i cittadini turchi che si sono uniti ai jihadisti, inclusi quelli uccisi, sarebbero tra 1.000 e 1.300. Secondo i dati forniti dall'intelligence di Ankara, il totale dei 'foreign fighters' che combattono per l'Isis in Siria e Iraq è di circa 24mila, su un esercito stimato di 70mila miliziani al massimo. La lista nera dei sospetti aspiranti 'foreign fighters' a cui la Turchia vieta l'ingresso nel suo territorio per evitare che si uniscano all'Isis in Siria e Iraq e' stata aggiornata a 16mila nomi da 108 Paesi, metà dei quali provenienti da Medio Oriente e Nord Africa e un quarto da Europa e Nord America. Sono inoltre 1.600 gli stranieri di 83 Paesi espulsi dalla Turchia per sospetti legami con organizzazioni terroristiche.   

----------------

20 luglio

Il comandante militare delle operazioni nella provincia di Ninive, generale Najim al Jubouri, ha annunciato oggi l'uccisione di 108 guerriglieri dello Stato islamico e la distruzione di diverse postazioni utilizzate dagli estremisti per le loro azioni in varie aree della provincia.

In un comunicato stampa, l'ufficiale ha sottolineato che nelle ultime 48 ore i raid aerei della colazione internazionale guidata dagli Stati Uniti hanno colpito obiettivi nei distretti di Mosul, Tal Afar, Sinjar e Makmur. Nella nota, al Jubouri ha aggiunto che i bombardamenti hanno distrutto un convoglio dello Stato islamico composto di numerosi veicoli fra mezzi blindati e auto equipaggiate con mitragliatrici pesanti, raso al suolo 16 edifici e diverse rampe utilizzate dai terroristi per lanciare razzi. Mentre proseguono le operazioni militari nella provincia di Ninive, continua l'offensiva dell'esercito iracheno nella provincia occidentale di al Anbar, dove in questi giorni sono avvenuti violenti scontri fra forze di sicurezza e guerriglieri dello Stato islamico.

Ieri almeno 35 fra membri dell'esercito e miliziani della Mobilitazione popolare sciita sono morti nell'area di Ramadi, capoluogo della provincia in mano all'Is. Secondo quanto riferisce l'emittente televisiva Al Jazeera, gli scontri più violenti ieri si sono registrati ad est della città. Fonti dell'esercito sostengono invece di aver ucciso 25 miliziani jihadisti. Questi ultimi però sono riusciti a respingere l'offensiva, costringendo i militari alla ritirata verso il villaggio di Khaldia che si trova vicino alla base di al Jabbaniya, dove ha sede il comando dell'operazione in corso per la riconquista della provincia di al Anbar. 

 
© Riproduzione Riservata

Commenti