Siamo alla viglia del grande giorno: domani, 8 novembre, come da tradizione nel martedì successivo al primo lunedì del mese, si celebrerà l'Election Day che darà agli Stati Uniti il suo 45° Presidente. Tutto il mondo è col fiato sospeso nell'attesa di conoscere il responso degli elettori americani: quale dei due candidati principali, Hillary Clinton e Donald Trump, si insedierà alla Casa Bianca? >I sondaggi

Nei lunghissimi mesi della campagna elettorale presidenziale forse meno ordinaria della storia del Paese, i toni forti e spesso grevi, soprattutto da parte del magnate newyorkese in corsa per i Repubblicani, hanno preso il posto del fair play. Il confronto tra i candidati è stato caratterizzato da gravi accuse reciproche, attacchi personali, mancate strette di mano e scontri verbali senza esclusione di colpi.

Come ci raccontano queste immagini, scattate nelle diverse fasi della corsa elettorale, anche tra gli elettori dei due schieramenti - e tra i "tifosi" a distanza, fuori dagli States - si è fatto abbondante uso anche dell'arma dell'ironia, spesso sconfinante nel dileggio.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti