Esteri

Guerra all'Isis: gli Usa spendono 9 milioni di dollari al giorno

Il conflitto in Iraq e in Siria, iniziato con i bombardamenti lo scorso agosto, è finora costato a Washington 2,7 miliardi di dollari

IRAQ-CONFLICT

Esercitazioni militari dei soldati iracheni per la guerra contro Isis – Credits: MOHAMMED SAWAF/AFP/Getty Images

La guerra all'Isis in Iraq e in Siria, iniziata con i bombardamenti lo scorso agosto, è finora costata agli Stati Uniti 2,7 miliardi di dollari, circa 9 milioni di dollari al giorno. Lo afferma il Pentagono, sottolineando che le operazioni speciali segrete sono costate da agosto più di 200 milioni di dollari. L'Air Force, l'aeronautica americana, è quella che è costata di piè, con un conto di 1,8 miliardi di dollari. Per l'Army, l'esercito, sono invece stati spesi 274 milioni di dollari, mentre 21 milioni sono andati nelle spese di intelligence e nelle operazioni di sorveglianza.

La spesa è destinata ad aumentare. I vertici militari statunitensi hanno deciso di inviare in Iraq altri 450 consiglieri militari, ai 2900 già presenti sul suolo iracheno. La creazione di una vera e propria base nella provincia di Anbar per garantire un addestramento costante delle forze di sicurezza di Baghdad e dei gruppi tribali anti-iSIS, a cui sarà affidato il compito di riconquistare le città di Mosul e di Ramadi,  dovrebbe comportare un ulteriore aggravio dei costi che dovrà trovare nuovi canali di finanziamento.

Le fonti di finanziamento dell'Isis Il timido tentativo di Obama di accelerare la guerra in Iraq
© Riproduzione Riservata
tag:

Commenti