Esteri

Dieci cose che accadono oggi: giovedì 20 dicembre

Dalle vittime siriane che superano i 44mila morti al restyling della biblioteca pubblica di New York

Un ribelle siriano nella città di Idlib (Credits: AP Photo/Muhammed Muheisen)

1. Oltre 44mila i morti in Siria. Le violenze in corso in Siria dal marzo del 2011 hanno provocato più di 44mila morti. Il bilancio è stato fornito dalle organizzazioni siriane per la difesa dei diritti umani. Le vittime civili - che comprendono anche coloro che hanno preso le armi contro il regime del presidente Bashar al Assad - sarebbero 30.819; i militari uccisi 10.978 e i disertori che hanno perso la vita 1.482; a questi vanno aggiunte altre 784 persone di cui non è stata accertata l'identità. Il bilancio tuttavia non comprende le migliaia di persone arrestate dalle autorità e di cui non sia hanno più notizie e la maggior parte delle vittime fra le milizie filo-regime, gli Shabiha.

2. Chiesto riscatto per Belluomo. I rapitori in Siria dell'ingegnere italiano Mario Belluomo e dei suoi due colleghi russi Viktor Gorelov e Abdel Sattar Khassun hanno chiesto il pagamento di un riscatto di 530.000 euro in cambio della loro liberazione. Lo riferisce oggi il quotidiano russo Kommersant, citando fonti diplomatiche di Mosca.

3. Zar Putin fa il patriarca. Il presidente russo sembra voler tornare alle grandi adunate della stampa, con una maxiconferenza che raccoglie mille giornalisti russi e 200 stranieri. Per Vladimir Putin è l'ottavo evento di questo genere, e per la prima volta non sarà al Cremlino, ma al World Trade Center di Mosca. Una conferenza stampa al termine dell'anno, e a ridosso della profezia Maya sulla fine del mondo. Ma, soprattutto, questo incontro con i media coincide con un cambio di passo di Putin in quanto alla sua immagine. Sembra che da presidente-macho, Putin oggi voglia assumere il ruolo di "saggio padre della patria", e diventare - così - una sorta di presidente-patriarca.

4. Una donna a capo della Corea del Sud. Moon Jae-In, candidato del centrosinistra alle presidenziali sudcoreane, ha riconosciuto la vittoria della conservatrice Park Geun-Ye, che sarà così la prima donna alla guida dello Stato: "Tutti hanno fatto del loro meglio, ma non sono riuscito a vincere: accetto umilmente il risultato del voto", ha dichiarato Moon Jae-In.

5. Buone notizie per l'economia cinese. La Banca Mondiale ha rivisto al rialzo le previsioni di crescita della Cina per il 2013: il dato stimato è dell'8,4%, contro l'8,1% previsto fino ad oggi. Nel 2012 il Pil cinese dovrebbe aumentare del 7,9%, ma resterebbe ancora lontano il dato di crescita del 2011, pari al 9,3%. Le previsioni a lungo termine della Banca Mondiale parlano tuttavia di un certo rallentamento del Pil provocato dal cambiamento strutturale dell'economia cinese, che dovrebbe passare a dipendere in misura minore da investimenti ed esportazioni.

6. Oggi si decide il Natale dei Marò. Il giudice dell'Alta Corte del Kerala ha rinviato a oggi la decisione sulla richiesta di poter trascorrere le ferie natalizie a casa, in Italia, avanzata da Massimiliano Latorre e Salvatore Girone, i due marò trattenuti da dieci mesi in India in attesa del processo sul presunto omicidio di due pescatori locali.

7. Esplosioni a Nairobi. Diverse persone sono rimaste ferite in due esplosioni avvenute poco fa davanti alla moschea di Al Amin, nel quartiere somalo di Eastleigh, a Nairobi. Lo riferiscono fonti locali secondo cui almeno due civili sarebbero in gravi condizioni. Lo scorso 16 dicembre nella stessa zona furono lanciate tre granate che provocarono un morto, mentre il 7 dicembre cinque persone rimasero uccise nell'esplosione di una granata esplosa nei pressi di una moschea, sempre nel quartiere somalo di Eastleigh.

8. Riesumati i killer di Capote. I cadaveri dei due uomini impiccati per la strage di una famiglia in Kansas, che ispirarono il bestseller di Truman Capote A Sangue Freddo, sono stati riesumati su richiesta della magistratura della Florida che spera di trovare elementi utili a risolvere un altro delitto avvenuto nella zona di Sarasota alcune settimane dopo. I due uomini furono impiccati per l'assassinio di Herb e Bonnie Clutter e dei loro bambini a Holcomb il 15 novembre 1959, dopo essere stati arrestati in Florida.

9. Iraq, Talabani si fa curare in Germania. Il presidente iracheno Jalal Talabani, colpito nei giorni scorsi da ictus, è stato trasferito in Germania per ricevere delle cure. Lo conferma un comunicato del suo ufficio, dopo che ieri la notizia era stata annunciata da fonti mediche. Talabani, 79 anni, ha lasciato il policlinico di Baghdad, dove era stato ricoverato lunedì, insieme alla sua equipe medica, si legge ancora nel testo.

10. Nuovo look per la biblioteca di NY. La sede principale della New York Public Library si rifà il look. Il restauro da 300 milioni di dollari interesserà l'edificio che sorge tra la Quinta Strada e Bryant Park sulla 42ma. Secondo il nuovo progetto dell'architetto inglese Norman Foster, la facciata esterna resterà pressohé la stessa, ma l'interno sarà completamente rivoluzionato. Via l'aspetto da rigido monastero: al suo posto uno spazio aperto con aree di lettura illuminate, vedute su Bryant Park e persino internet.

© Riproduzione Riservata

Commenti