La Corte suprema nordcoreana ha condannato Otto Warmbier, cittadino americano e studente di 21 anni della University of Virginia, a 15 anni di lavori forzati perché riconosciuto colpevole di "atti ostili" contro lo Stato.

I media della Corea del Nord annunciarono il suo arresto il 22 gennaio a causa dell'ingresso "in veste di turista con lo scopo di condurre attività criminali contro lo Stato e con la tacita connivenza del governo Usa e sotto la sua manipolazione". La sentenza è maturata nel mezzo delle tensioni legate alle grandi esercitazioni militari congiunte di Seul e Washington, fortemente osteggiate da Pyongyang, e dopo le pesanti sanzioni del Consiglio di Sicurezza dell'Onu decise in risposta al quarto test nucleare del 6 gennaio e il lancio del razzo/satellite del 7 febbraio.

© Riproduzione Riservata

Commenti