Giulio Piscitelli
Esteri

Anche l'Ungheria ci attacca sui migranti: "L'Italia deve chiudere i porti"

"Non accettiamo improbabili lezioni né parole minacciose", replica il premier

Dopo l'Austria, l'Ungheria attacca Roma sui migranti: l'Italia dovrebbe "chiudere i porti" per arginare i flussi migratori dal Mediterraneo, secondo il premier ungherese Viktor Orban che con gli altri leader del gruppo di Visegrad (oltre all'Ungheria, Repubblica Ceca, Slovacchia e Polonia) ha scritto una lettera in questo senso al presidente del Consiglio Paolo Gentiloni.

Secondo Orban, che non esclude l'opzione militare, il problema deve essere risolto in Libia.

- LEGGI ANCHE: Migranti e profughi, tutti gli sbarchi e i naufragi del 2017

La replica di Gentiloni

"Dai Paesi dell'Ue abbiamo diritto di pretendere solidarietà, non accettiamo lezioni, tanto meno possiamo accettare parole minacciose. Noi facciamo il nostro dovere e pretendiamo che l'Europa intera faccia il proprio dovere, invece di dare improbabili lezioni al nostro Paese". Così il premier Paolo Gentiloni intervenendo alla cooperativa Frassati a Torino sulla questione migranti.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti