Terremoto: Ussita
Cronaca

Terremoto in Centro Italia: dall'Unione Europea 1,2 miliardi di aiuti

Come avevamo anticipato a Panorama d'Italia, il Parlamento europeo ha stanziato nuovi fondi per le regioni colpite dal sisma

Come già a giugno aveva detto in anteprima a Panorama d'Italia la capo rappresentanza in Italia della Commissione Europea, Beatrice Covassi, l'Unione Europa stanzia 1,2 miliardi di euro a favore dell'Italia, per i 140 comuni delle quattro regioni (Marche, Umbria, Lazio ed Abruzzo) colpite dai sismi dell'agosto e ottobre 2016 e del gennaio 2017.

Il Parlamento europeo ha approvato definitivamente lo stanziamento del Fondo di solidarietà dell'Ue. La risoluzione è stata approvata con 658 voti a favore, 6 contrari e 26 astenuti. 

Chi ha votato contro e chi si è astenuto

Tra i 6 contrari, il gruppo più compatto è quello di 4 membri dell'olandese PVV, il Partito per la Libertà del leader xenofobo-euroscettico Geert Wilders, alleato in Europa della Lega Nord di Matteo Salvini nel gruppo ENF, Europa delle Nazioni e della Libertà. 

Lo stesso segretario del Carroccio era assente al momento del voto. Così si giustifica Salvini: "Il mio aereo, un KLM che faceva scalo ad Amsterdam, ha fatto 4 ore di ritardo. Dovevo arrivare alle 11 per il voto e sono arrivato a Strasburgo alle 15". 

Tra i 26 astenuti, ben 20 vengono dal gruppo EFDD, lo stesso di cui fa parte il Movimento 5 stelle. Di questi 20, 19 sono del partito eurofobo britannico Ukip, uno è polacco. Astensioni anche da altri 4 membri del gruppo ENF, di cui fa parte la Lega: 2 polacchi, un fiammingo del Vlams Belang e una britannica.

Quanti soldi l'Europa dà all'Italia per il terremoto

Il Fondo di solidarietà Ue può essere utilizzato per coprire spese di ricostruzione, emergenza e pulizia, come pure per la protezione di monumenti.

"L'Italia ha già ricevuto 30 milioni di euro grazie all'intervento del Fondo Europeo di Solidarietà ma, grazie all'emendamento al bilancio 2017, oggi siamo riusciti a fornire un aiuto molto più sostanzioso, il più ampio della storia di questo fondo". A riferirlo in una nota è Daniele Viotti, parlamentare europeo, membro Pd della Commissione Bilancio al Parlamento europeo, e relatore del prossimo Bilancio Ue.

L'Italia, infatti, aveva richiesto un pagamento anticipato di 30 milioni di euro, il massimo possibile, e la somma era stata accordata dalla Commissione Ue il 29 novembre 2016 e quindi erogata.
Il Fondo di solidarietà Ue è stato creato nel 2002, come risposta alle alluvioni che avevano afflitto l'Europa centrale quell'estate. Da allora il Fondo ha elargito oltre 5 miliardi di euro di aiuti per far fronte ai lavori di riparazione dopo 76 disastri in almeno 24 Paesi europei.


Per saperne di più: 

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti