Cronaca

Slavina in Val di Susa: due morti, sei in salvo

La valanga si è abbattuta su otto sciatori d'alta quota a Cesana Torinese: deceduti un francese e una guida di sci-alpinismo

 

Una slavina si è abbattuta questa mattina  sulle montagne di Cesana Torinese, in Valle di Susa, nel canalone Terre Nere, investendo un gruppo di otto sciatori di alta quota portati lì con un elicottero della Pure Ski Company & Helicopter Service, compagnia francese di stanza all'eliporto di Sauze d'Oulx.

Sei si sono salvati, due sono morti, tra cui  un francese e una guida di sci-alpinismo molto nota nella zona, Luca Prochet, di Sestriere, 53 anni, fino al mese di marzo direttore della scuola regionale tecnici del Soccorso alpino speleologico piemontese.  La massa di neve si è staccata dal Monte Terra Nera - uno dei più frequentati dalle società di eliskiing in una giornata soleggiata e ventosa. 

La comitiva era partita all’alba da Modane. È arrivata alla cima Dormillause, attorno alle 9,30. Gli sciatori si sono divisi in due gruppi e hanno viaggiato su due diversi elicotteri dell’heliski. I primi quattro, i più esperti, sono stati fatti scendere sulla costa nord. Con loro c’era la guida alpina Prochet. Gli altri sono scesi alle loro spalle.

A febbraio, sempre nel Comune di Cesana, a Sagna Longa, una valanga era piombata su quattro sciatori, tra cui due bambini e un adulto che si sono salvati, mentre un altro adulto, privo di Artva, è stato ritrovato cadavere dopo alcune ore dal soccorso alpino.

© Riproduzione Riservata

Commenti