Cronaca

Prato, dramma in gita: morto un bambino

L'episodio accaduto durante una passeggiata di un oratorio sul monte Calvana

I bambini incontrano i loro genitori alla Caserma dei Vigili del Fuoco di Prato (Credits: ansa)

Un malore improvviso in una delle giornate più torride della stagione. Doveva essere una delle tante scampagnate estive, l'abituale gita annuale sul vicino Monte Calvana, ma si è rivelato un dramma concluso nel peggiore dei modi, con la morte di un ragazzino di undici anni, stroncato da un arresto cardiaco. La comitiva era composta da una cinquantina di bambini di età compresa tra i sette ed i quindici anni appartenenti alla parrocchia di Paperino di Prato, anche loro soccorsi poche ore fa durante l’escursione sul monte vicino, una sommità a pochi passi dalla città toscana.

La comitiva si era messa in cammino questa mattina sotto il sole per raggiungere la sommità della montagna. Ma poco prima dell’ora di pranzo si sono cominciati ad avvertire i malori e molti ragazzi visti sul punto di svenire. Subito sono scattate le richieste di aiuto. Il luogo in cui si sono fermati i ragazzi è uno dei punti più impervi del monte.

Appena arrivati, i Vigili del Fuoco della compagnia di Prato si sono subito resi conto della gravità della situazione legata, pare, al gran caldo ed alla fatica della camminata. Secondo uno dei soccorritori i ragazzi "...erano letteralmente assetati. Abbiamo chiamato pure i colleghi di Bologna per dare una mano nei soccorsi...”. Otto i viaggi che i vigili hanno effettuato con l’elisoccorso e mentre si scrive starebbe per essere effettuato l’ultimo viaggio. Il resto della comitiva starebbe bene, nonostante lo spavento. Condotti presso la caserma dei vigili del Fuoco di Prato, sono stati rifocillati. Fuori dalla caserma, intanto stanno arrivando i genitori per riabbracciare i propri figli.

Ancora incerte le cause dell'accaduto. Secondo le prime dichiarazioni dei ragazzi e dei loro accompagnatori (tra cui un sacerdote) l'undicenne si sarebbe sentito male poco dopo l'inizio della camminata, un malore superato abbastanza rapidamente. La gita del gruppo così era proseguita senza altri problemi. Quando però mancavano poche centinaia di metri alla fine del sentiero, il ragazzino avrebbe avuto una seconda crisi. Da qui l'allarme, anche perché altri bambini avrebbero manifestato i sintomi di un colpo di calore.

"Eravamo quasi arrivati - ha raccontato una delle bambine presenti alla gita che non sa ancora della morte del suo giovane amico e compagno di giochi - quando ci hanno detto che uno dei ragazzi si era sentito male. Così ci siamo fermati. Io mi sono girata ed ho visto che lo stavano soccorrendo. Era una gita abituale per noi, eravamo un po' stanchi ed accaldati, ma è normale..."

''Le indagini sono a 360 gradi'', ma fra le ipotesi prese in considerazione dagli investigatori c'e' anche quella che alla base del malore che ha provocato il decesso del bambino durante la gita sulla Calvana a Prato si sia ''un problema congenito''. E' quanto spiegano dalla procura di Prato in merito all'indagine aperta sull'accaduto. Al momento non ci sono indagati.    In procura si spiega che gli investigatori stanno ascoltando alcuni responsabili della gita e che domani sara' deciso se disporre o meno l'autopsia. A quel punto ci saranno, come atto dovuto, eventuali iscrizioni nel registro degli indagati.

Un episodio analogo era accaduto una settimana fa, quando una dozzina di bambini di un oratorio milanese era stato colto da malore a causa del caldo. Anche in quell'occasione la temperatura aveva superato i trenta gradi, ma non ci furono gravi conseguenze.


Visualizzazione ingrandita della mappa
© Riproduzione Riservata

Commenti