Cronaca

Patente, cosa cambia

Motorini: debutta la nuova categoria AM al posto del Certificato di idoneità alla guida. Per passare a un'altra categoria servirà un esame

Controllo patente

Addio alla vecchia patente. Da sabato 19 gennaio entrano in vigore le nuove regole europee per ottenere le licenze di guida, recepite in Italia un anno e mezzo fa (Dlgs 59/2011) e migliorate con un decreto correttivo approvato lo scorso dicembre dal Consiglio dei ministri.

Le novità riguardano la formazione (i corsi per il conseguimento del patentino non saranno più organizzati dalle scuole, mentre per passare da una categoria a un'altra servirà un esame), il tagliando adesivo, che sparisce nel caso di cambio o rinnovo del documento (le patenti verranno ristampate) e la sicurezza (il nuovo modello potrà contenere un microchip).

Si moltiplicano, poi, le sanzioni per i casi sanzionati come illeciti penali : chi verrà beccato a guidare senza idonea autorizzazione rischia la sospensione e una sanzione amministrativa che va dai mille ai 4mila euro. In caso di violazione con patente estera, inoltre, c’è l’interdizione o la revoca del diritto di guidare.

Il restyling principale, però, è quello che riguarda le categorie. Una piccola rivoluzione che però non tocca chi già la patente ce l’ha, qualunque essa sia: se ne possiede una rilasciata fino al 18 gennaio 2013, infatti, si potrà continuare a guidare l’auto, la moto o il camion per diritto acquisito, ossia i veicoli per i quali si è ricevuta l’autorizzazione.

Diverso, invece, è il discorso per chi vuole ottenerne una nuova. In questo caso bisogna considerare le nuove categorie: in tutto sono ora 15. Ecco le principali novità:

MOTORINI
Nasce la categoria AM per motorini, ma anche veicoli a tre e quattro ruote leggeri come quad o microcar monoposto (con cilindrata uguale o inferiore a 50 cm cubi), che sostituisce il vecchio Certificato di idoneità alla guida introdotto nel 2003. Gli esami diventano uguali a quelli per la patente A e, soprattutto, diventano applicabili le decurtazioni dei punti. L’età minima è sempre 14 anni.

MOTO
La patente A1 resta conseguibile a 16 anni (per le moto 125) e tricicli (tipo Ape) di potenza non superiore a 15 kW, mentre la nuova patente A2 può essere presa a 18 anni e consente di guidare motocicli di potenza non superiore a 35 kW, con un rapporto potenza/peso non superiore a 0,2 kW/kg e che non siano derivati da una versione che sviluppa oltre il doppio della potenza massima.

La patente A così come la conosciamo oggi, la si potrà ottenere a partire dai 20 anni di età e solo se si ha già la A2 da almeno due anni, altrimenti bisogna aspettare i 24 anni, mentre per guidare i tricicli con più di 15 kW bisognerà aspettare almeno i 21 anni.

MICROCAR
Un’altra nuova patente è la B1, che si può prendere a 16 anni, ma che abilita a guidare le cosiddette microcar, quelli che per legge vengono definiti come “quadricicli non leggeri di potenza fino a 15 kW e massa a vuoto che non superi i 400 kg”.

AUTO
La patente B, così come la conosciamo oggi, invece, autorizza alla guida di autoveicoli la cui massa non supera i 3.500 kg e progettati e costruiti per il trasporto di non più di otto persone, oltre al conducente.

Ai veicoli di questa categoria può essere agganciato un rimorchio avente una massa non superiore a 750 kg. Novità anche per i rimorchi: la massa non deve superare i 750 kg, purché la massa complessiva (compresa l’auto) non superi i 4.250 kg.
Comunque se tale combinazione supera i 3500 kg, è richiesto il superamento di una prova di capacità. Con la nuova BE, inoltre, si possono guidare complessi di veicoli composti da una motrice della categoria B e da un rimorchio o semirimorchio i quali però devono avere massa non superiore a 3500 kg.

CAMION E AUTOBUS
Novità anche sul fronte dei mezzi pesanti: debuttano le patenti C1 e D1, che sostanzialmente hanno lo stesso valore delle attuali C per i camion e la D per gli autobus e che possono essere prese rispettivamente a partire dai 18 e 21 anni e abilitano fino a una massa massima di 7.500 kg. La CE e DE, per i veicoli a rimorchio con massa superiore a 750 kg, diventano conseguibili, invece a 21 e 24 anni.

© Riproduzione Riservata

Commenti