Cronaca

Multe e more: ecco quanto si pagherà nel 2013

Dal 1° gennaio 2013 aumenteranno gli importi delle sanzioni al Codice della Strada e le cifre sono da capogiro.

Aumenti multe: ecco quanto si pagherà

– Credits: Web

Pochi giorni ancora e poi per gli automobilisti indisciplinati e distratti arriverà una maxi stangata. Dal 1 gennaio 2013 entreranno in vigore le nuove tariffe per le infrazioni al Codice della Strada. E gli aumenti saranno davvero da capogiro.

Parlare al cellulare mentre si è alla guida oppure scendere a comprare le sigarette lasciando l’auto in divieto di sosta o nel parcheggio riservato ai disabili, diventerà un vero e proprio lusso. Ogni sanzione aumenterà mediamente di circa 10 euro fino a raddoppiare oltre la scadenza dei 60 giorni previsti.

Ma l’incubo non finisce con il sessantesimo giorno. Anzi. Una volta entrata “a ruolo” ovvero superati i 2 mesi, il Comune che ha emesso la multa, procederà alla riscossione e potrà farlo in due modi: attraverso l’ingiunzione al pagamento oppure utilizzando la cartella esattoriale, ovvero, Equitalia. E qui, sono davvero dolori perché ogni sei mesi è previsto l’aumento degli interessi sul massimo dell’importo al quale verrà sommata la percentuale che trattiene la stessa Equitalia. Insomma, la cifra, rischia in cinque anni, di triplicare o addirittura quadruplicare.

Ad esempio chi attraversa un incrocio con il semaforo rosso, oggi paga 154 euro, tra meno di 15 giorni la stessa infrazione sarà multata con 163 euro e se tarderà a pagare, oltre il sessantesimo giorno, la multa lieviterà fino a 324 euro.

Non va meglio per chi è abituato a parlare al cellulare senza auricolare: oggi gli costa 152 euro, nel 2013  costerà  161 euro  e oltre i due mesi schizzerà 321,50 euro. Per chi invece è allergico alla cintura di sicurezza, l’aumento previsto è di “soli” 4 euro in più rispetto alla cifra stabilita per quest’anno ovvero 76 euro e raggiungerà i 161,50 euro per coloro che si dimenticheranno di pagarla entro i termini previsti.

Aumento minimo, invece, per coloro che parcheggeranno in divieto di sosta: oggi  costa 39 euro, il prossimo anno 41 euro e l’aumento successivo sarà a pari a 84 euro. Per gli smemorati ovvero per coloro che dimenticano di aggiornare il disco orario, la sanzione sarà leggermente superiore a quella per divieto di sosta cioè 25 euro e 49,50 euro a partire dai sessanta giorni.

Ma è in arrivo una mini stangata anche per i furbetti che costantemente utilizzano il parcheggio dei disabili: la nuova sanzione sarà di 85 euro e il primo aumento di 168 euro. Ovviamente, le cifre diventano astronomiche (anche a tre zeri), per le multe per eccesso di velocità non pagate entro i 60 giorni.

Dunque attenzione, per gli automobilisti indisciplinati nel 2013 è a rischio un intero stipendio.

© Riproduzione Riservata

Commenti