pordenone
Cronaca

Mistero sulla coppia trovata uccisa a Pordenone

Un sottufficiale dell'Esercito e una laureata alla Bocconi sono stati uccisi con quattro colpi di pistola alla testa. Lui aveva vinto anche le selezioni per Mister Friuli Venezia Giulia

Prima si allena in palestra con i pesi, poi esce di corsa nel parcheggio dove, poco dopo viene ritrovato morto, assieme alla compagna, all'interno della sua vettura. I corpi dei due ragazzi sono accasciati sui sedili anteriori entrambi crivellati di colpi di arma da fuoco. Il loro assassino li ha colpi alla testa. Ad ucciderli sono stati quattro colpi di pistola calibro 7,65: tre contro la donna e uno contro l'uomo.

 

Trifone Ragone, 29 anni, originario di Monopoli, sottufficiale dell'Esercito in servizio al 132/o Reggimento Carri di Cordenons, che fa parte della Brigata Corazzata Ariete, si era allenato come ogni martedì al Palazzetto dello Sport di Pordenone. Ma qualcosa, ieri sera, lo ha costretto ad uscire prima dalla palastra, prima ancora di aver fatto la doccia e di essersi rivestito. Trifone infatti, nonostante il freddo, esce con le ciabatte di plastica e si dirige immeditamente verso la macchina, una Suzuki, dove ad attenderlo c'era la sua compagna Teresa Costanza, 30 anni, originaria di Agrigento, laureata alla Bocconi in Marketing Management. 

Perchè il sottufficale lascia la palestra senza rivestirsi? Qualcuno lo ha chiamato? E' stata forse la fidanzata a contattarlo sul cellulare e a chiedergli di raggiungerla immediadatamente? Lo ha fatto spontaneamente oppure era minacciata da qualcuno che poteva trovarsi già all'interno dell'auto?   

Qui inizia il mistero. Trifone raggiunge l'auto sale ma non riesce neppure a chiudere lo sportello che viene raggiunto dal primo colpo di pistola alla testa. Poi l'omicida ha fatto fuoco anche sulla ragazza, altre tre volte. I primi soccorritori troveranno la portiera del fuoristrada semiaperta e la gamba del sottufficiale penzonante fuori dall'abitacolo. 

Alcuni vigili del Fuoco, i primi a raggiungere l'auto, hanno pensato immediatamente ad un omicidio-suicidio ma pochi minuti dopo, con l’arrivo dei carabinieri, lo scenario cambia: duplice omicidio. 

Il sottufficiale era piuttosto conosciuto negli ambienti della pesistica dove aveva ottenuto anche buoni risultati agonistici ed era allenato anche alla difesa personale. Se fosse stato aggredito sarebbe stato in grado di reagire e difendere se stesso e la compagna. Quindi l’assassino ha agito in pochissimi istanti e non ha permesso all'uomo nessuna reazione.

Trifone Ragone, un paio d'anni fa, aveva anche vinto la selezione a Lignano del concorso di 'Mister Friuli Venezia Giulia'.
Che possa essere stata la sua bellezza il movente dell’omicidio? Può aver attirato gelosie ed invidie? 

Saranno decisivi gli accertamenti che saranno effettuati sul luogo del delitto e l'autopsia sulle vittime dagli investigatori. Nel frattempo i Carabinieri che stanno ancora cercando l’arma del delitto, hanno iniziato ad indagare sia negli ambienti della palestra che in quelli professionali di entrambe le vittime. Intanto sono già stati acquisiti i filmati delle telecamere della videosorveglianza pubblica e privata della zona.

© Riproduzione Riservata

Commenti