Mytech

Lg Nexus 4: vi spiego perché in Italia costa 599 euro

Il nuovo Google-fonino debutta il 13 novembre negli Usa a un prezzo di 299 euro. In Italia, però, lo vedremo solo a fine mese a un prezzo praticamente raddoppiato. Ecco perché

Partiamo dalla fredda cronaca.

Il Nexus 4, ovvero il primo telefonino equipaggiato con la nuova versione di Android (Jelly Bean 4.2 ), debutterà la settimana prossima (il 13 novembre, per l'esattezza) negli Stati Uniti a un prezzo di 299 dollari (versione da 8Gb) e 349 dollari (16Gb), e in altri 4 Paesi europei (Spagna, Francia, Regno Unito e Germania) a 349 euro (versione da 16 Gb). In Italia, invece, bisognerà attendere qualche giorno di più (si parla della fine del mese) ma soprattutto bisognerà mettere mano al portafoglio in modo molto più deciso (e doloroso): si parla infatti di una cifra che oscilla fra i 549 e i 599 euro.

Vista così ci sarebbe di che essere infuriati. Insomma ci può stare qualche giorno di attesa, ci può stare anche il cambio sfavorevole con il dollaro (dall’iPhone in poi ci siamo ormai abituati), ma sapere che a pochi chilometri dai nostri confini c’è qualcuno che può acquistare lo stesso identico smartphone a un prezzo praticamente dimezzato si fa davvero fatica a digerire.

Il discorso, in realtà è un po’ più complesso di quanto possa apparire. Cerchiamo perciò di ricostruire i fatti.

Chiariamo innanzitutto un aspetto: non ci sono Paesi privilegiati e altri discriminati, il problema sta tutto nella distribuzione. Negli Stati Uniti, in Francia, in Spagna e in tutti quei Paesi nei quali gli utenti potranno contare su tariffe per così dire “ridotte”, il Nexus 4 verrà commercializzato direttamente da Google attraverso il suo negozio online, il Google Play Store. Altrove, come ad esempio in Italia, sarà invece Lg a occuparsi della vendita attraverso i canali tradizionali (come ad esempio le grosse catene retail).

In buona sostanza, l’ago della bilancia lo fa Google. Che, come ben sappiamo, è una società che può permettersi il lusso di “tirare” sul prezzo; sia perché dispone di un canale di vendita molto snello nel quale si fa tutto online (il Google Play Store, appunto), sia perché lavora su un modello di business decisamente diverso da quello di Lg (ma anche di Apple e di qualsiasi altro produttore di hardware) . Per dirla in altre parole: Google non è interessata a guadagnarci dalla vendita del pezzo di ferro, quanto piuttosto alla diffusione di tutti i servizi associati (dal motore di ricerca a Google Maps, da Gmail al navigatore di Android), che sono poi il veicolo della sua pubblicità. In quest’ottica, che ricorda molto quella adottata da un altro big dell’hi-tech, Amazon, la società di Mountain View ha tutto l’interesse a ridurre il profitto che le deriverebbe dalla vendita del terminale nudo e crudo pur di aumentare la sua base di utenti (cosa che peraltro finora le è riuscito benissimo).

Nexus-4-1_emb8.jpg

Diverso è il discorso per Lg, società che invece lavora quasi ed esclusivamente sui margini. E che naturalmente non può pensare di portare il proprio prodotto sugli scaffali dei vari MediaWorld, Euronics di casa nostra a un prezzo stracciato. "Non siamo un’azienda che fa beneficenza e che può vendere un prodotto in perdita" – spiega a Panorama.it Raffaele Cinquegrana, Product Manager di LG Electronics Italia – puntualizzando: "il costo proposto da Google non sarebbe sostenibile con il nostro modello di business".

La domanda a questo punto sorge spontanea: ma per quale motivo in Italia non si può acquistare il telefono online attraverso il Google Play Store? Semplice, perché non esiste. Almeno per ora. Almeno fintantoché Google non avrà messo a punto anche nel nostro paese un canale distributivo all’altezza del suo nome (stiamo parlando di un e-commerce da svariati milioni di pezzi, mica di un sito per la vendita di padelle online, con tutto il rispetto).

E quindi? Cosa deve fare il (povero) utente italiano? Deve acquistare il Nexus 4 a prezzo pieno o aspettare che Google apra un Play Store sullo Stivale (la società, attraverso un portavoce, ci fa sapere che "sta lavorando duramente per portare i dispositivi in vendita attraverso Google Play in altre nazioni")? Dipende naturalmente dalla propensione all’acquisto.

Di certo, esistono anche alcune soluzioni intermedie: da quella – un po’ casareccia – dell’acquisto tramite un amico o un conoscente che abita all'estero (in Francia, Spagna o in Germania, ad esempio) a quella, più tradizionale, del bundle con le offerte dati degli operatori (per il momento non ancora comunicate).

Una cosa è certa. Se pensate che il Nexus 4 non valga i 599 euro del listino ufficiale di Lg vi sbagliate di grosso. In fondo stiamo parlando di uno dei migliori telefoni Android [guarda tutte le specifiche tecniche] , uno di quei modelli – per intenderci – che può competere tranquillamente con l’iPhone 5 e il Samsung Galaxy S3.

Certo, averlo a 349 euro sarebbe il massimo della vita...

Seguimi su Twitter: @TritaTech

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Nexus 4, le immagini

Le prime foto del nuovo smartphone con Android Jelly Bean 4.2 realizzato da Google in collaborazione con Lg

Nexus 4, ecco il primo smartphone con Android 4.2

Realizzato in collaborazione con Lg, il nuovo telefonino di Google offre una dotazione da primo della classe (Lte escluso) ma a un prezzo di partenza decisamente concorrenziale: 299 dollari. Debutterà a metà novembre, ma in Italia lo vedremo più avanti

Commenti