Social

LinkedIn: ecco come trasformarlo in un portfolio visuale

L'ultima novità del social network professionale è la possibilità di aggiungere immagini, presentazioni e video: scopriamo come funziona e a chi si rivolge

I contenuti di questo post sono stati prodotti in autonomia dall’autore che appare nella sezione autore prima dell'inizio del testo, i contenuti di questo post possono essere associati a un brand promozionale tramite la dicitura “sponsorizzato da” oppure “offerto da” con il logo dello sponsor ben visibile.

Credits: LinkedIn - Elaborazione grafica: Nicola D'Agostino

Curriculum vitae graficamente più ricchi, più interattivi e più coinvolgenti: è l'ultima novità di LinkedIn. Al motto di "Don't Just say It, Display It" (non dite solamente, ma mostrate") il social network ha aggiunto una nuova funzione che permette di inserire immagini, presentazioni e video (ma anche audio) all'interno dei profili, permettendo di mostrare estratti ed esempi dei lavori fatti, documenti, showreel ed altro ancora.

Gli utenti del servizio possono andare al di là di un mero elenco di date e descrizioni e rendere più completo ed efficace il proprio curriculum online. La novità si rivolge ovviamente ai professionisti della grafica, della fotografia e del video, ma anche a tante altre figure come musicisti, pubblicitari, autori, docenti, consulenti che vogliono condividere pagine di riviste, copertine di libri, dati in forma grafica, presentazioni, fornire referenze e case history.

L'aggiunta di elementi visuali al profilo è disponibile durante la fase di editing del profilo.
Appena premuto il pulsante "Edit", nelle sezioni "Summary,” “Education” e nelle singole voci di “Experience” c'è un nuovo pulsante con un quadrato e un simbolo di "+". Premendolo si può scegliere tra due operazioni: il caricamento di un file (di massimo 100 MB) dal nostro computer oppure l'inserimento di un url di materiale ospitato su un servizio online.

LinkedIn-Upload-File-or-Add-Link_emb8.jpg

Si possono caricare file PDF, RTF, DOC e Powerpoint di Office, documenti e presentazioni fatti con OpenOffice/LibreOffice e immagini in formato JPEG, PNG, GIF.

La lista di servizi supportati include anche siti con filmati, come YouTube, e con contenuti audio come SoundCloud. Alcuni servizi, come Flickr, sono perfettamente supportati anche se non compaiono nell'elenco uffiiciale di LikedIn mentre altri, è il caso delle presentazioni su Google Drive, non mostrano l'anteprima.

LinkedIn-Dati-immagine-e-esempi-di-portfolio_emb8.jpg

Appena effettuato il caricamento è possibile modificare il titolo dei contenuti del portfolio ed anche una eventuale descrizione.
Le immagini vengono leggermente ritagliate in orizzontale e le anteprime dei primi due contenuti sono mostrate più in grande.
Al momento non è possibile riorganizzare ma solo eliminare ed eventualmente reinserire i contenuti.

LinkedIn-Like-e-commenti_emb8.jpg

Gli altri utenti di LinkedIn possono aggiungere commenti o dare un "like". Queste interazioni compaiono in una schermata apposita dedicata a mostrare meglio le singole immagini e gli altri elementi visuali, in maniera simile a quanto succede su Facebook e Google+.

Nota: si ringrazia Nicola Battista per la collaborazione nella fase di test.

Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>