Smartphone & Tablet

Con Masimo iSpO2 l’iPhone fa il medico

Un sensore traduce il battito cardiaco e le pulsazioni in dati da visualizzare sullo schermo. E’ l’inizio di una nuova era?

Basta un sensore collegato al dito e lo smartphone sostituisce il dottore (o quasi). Credits: Masimo iSpO2

Badate bene, non si tratta di un semplice pulsiossimetro . Di questi ne esistono a quantità e di certo non sarebbe una notizia vederne uno nuovo di zecca al CES di Las Vegas in corso . Il Masimo iSpO2 Pulse Oximeter è ben altro . Si tratta di un accessorio che trasforma il vostro iPhone in un vero strumento di misurazione cardiaca. Facile da utilizzare: si collega il cavo all’entrata a 30-pin (quella dei “vecchi” iPhone 4S per intenderci) e la morsetta al dito del paziente. Nel giro di pochi istanti, attraverso l’app specifica già pubblicata su iTunes , si ottiene una lettura grafica dal vivo dell’indice delle pulsazioni cardiache e dell’ossigenazione del sangue.

L’applicazione tiene traccia di tutte le letture effettuate restituendo in un grafico la tendenza nel tempo, con la possibilità di esportare i dati in un file CSV. Nella finestra principale si possono leggere i valori relativi alla saturazione dell’ossigeno, alla frequenza cardiaca (battiti al minuto) e in fondo l’indice di perfusione, una misura della forza del polso. Nel dettaglio l’accessorio funziona grazie al sensore posto nella morsa da applicare al dito. Questo interpreta la variazione della luce (ad ogni battito) attraverso alcunei LED che traducono il movimento in valori specifici. Masimo iSpO2 Pulse Oximeter è già in vendita su Amazon USA a 249 dollari , comprensivo di custodia.

L’accostamento tra il Masimo iSp02 e un vero pulsiossimetro non è azzardato visto che quello originale è un dispositivo che misura l’emoglobina nel sangue, la proteina che è responsabile del trasporto di ossigeno nei globuli rossi, un valore importante per chi è un atleta o se si soffre di disturbi del sonno. Certo è possibile acquistare pulsiossimetri più economici ma SpO2 è il primo compatibile con iPhone, iPod Touch e iPad, anche con i nuovi se si compra un adattatore da 30-pin a Lightning e, per quanto si legge dai primi test, senza un’influenza nei risultati (anche se presto dovrebbe arrivare il modello da 16-pin.

"Abbiamo sviluppato l’iSpO2 per i consumatori interessati ad ottenere un indice accurato della frequenza cardiaca, con un dispositivo che fa tesoro dell’esperienza di Masimo nel settore sanitario " - ha detto il CEO  e fondatore dell’azienda Joe Kiani. Un curiosità: iSp02 è stato costruito in origine per gli aviatori che si trovano in veicoli non pressurizzati, per controllare le condizioni di ossigeno e pressione. Il sensore funziona anche quando l’individuo è sotto stress e per questo è indicato anche per corridori e sportivi.

Seguimi su Twitter: @Connessioni

© Riproduzione Riservata

Commenti