Smartphone & Tablet

Un mese con... l'iPhone 5

Si è fatto desiderare per mesi mentre la nuvola dei "rumor" montava. Ma come si comporta l'ultimo iPhone di Apple nella vita di tutti i giorni?

Leggere, scrivere, giocare e comunicare, tenere traccia delle cose da fare, delle spese e dell'attività fisica, fruire e produrre musica, foto e video. Dopo averlo usato quotidianamente per più di un mese, posso dire tranquillamente che l'iPhone 5 è un ottimo smartphone. È bello da vedere e da toccare, con uno schermo nitido e luminoso, una buona tenuta della batteria e, a livello software, offre l'utilizzo completo di un sistema operativo rifinito e maturo come iOS e di un gran numero di applicazioni di ogni genere.
Per chi possiede già un iPhone recente non è nulla di rivoluzionario, ma per chi ha ancora uno dei primi modelli, o proviene da esperienze diverse, si tratta di un bel salto in termini di usabilità e performance.

La nuova forma

Più veloce, più potente, più leggero ... ma la novità più evidente dell'iPhone 5 è lo schermo più alto e la sua forma conseguentemente più allungata. La differenza rispetto al modello precedente non è tale da compromettere l'ergonomia per cui Apple è nota. Nonostante gli otto millimetri di altezza aggiunti, il nuovo iPhone continua a stare in mano con facilità e piacevolezza, anche se per raggiungere agilmente tutti gli angoli dello schermo con una mano sola può essere il caso di adottare un'impugnatura un po' più "alta".
L'iPhone 5 è inoltre decisamente leggero e maneggevole, e non risulta stancante neanche quando lo si sorregge a lungo, ad esempio per leggere, chiamare o giocare.

iphone5_01_presa_emb8.jpg

Lo schermo da 4 pollici

Con l'iPhone in verticale (orientamento ritratto), il risultato è quello di avere a disposizione una fila di icone in più nella schermata home e qualche riga in più da scorrere: ad esempio abbiamo un paio di messaggi in più in Mail e qualche anteprima di immagini in più su Pinterest .
In particolare, digitando in app ottimizzate per la nuova dimensione è possibile tenere d'occhio una quota maggiore del testo che si sta scrivendo. C'è chi programmaticamente preferisce concentrarsi solo su di un paio di righe per volta, ma personalmente trovo che questa sia una delle situazioni in cui quei pixel in più siano davvero benvenuti, soprattutto in app che hanno una (utilissima) barra aggiuntiva di pulsanti sopra la tastiera.

iphone5_02_home_scratch_emb8.jpg

Lo schermo più alto diventa più largo quando si tiene l'iPhone in orizzontale (orientamento panorama), e i 176 pixel in più sono una gradita aggiunta quando si guardano filmati ad alta risoluzione in 16:9, che ora occupano tutto lo spazio disponibile. Anche diversi tipi di videogiochi, opportunamente aggiornati, traggono beneficio dallo schermo più ampio: platform game e corse a scorrimento laterale mostrano una porzione maggiore di ambiente, e sopratutto i joystick, pad e pulsanti virtuali posizionati agli angoli sono più lontani dal centro dello schermo e dell'azione, che quindi risulterà meno coperta dalle dita.

iphone5_03_garageband_leagueofevil_emb8.jpg

I software che sfruttano in maniera operativa lo spazio in più non sono ancora molti. Tra queste segnaliamo l'app per creare musica GarageBand , dove il pianoforte ha dieci tasti bianchi suonabili invece di otto, il rompicapo Polymer la cui griglia presenta due righe in più (e ha una leaderboard a parte su Game Center), e l'app di editing audio Hokusai dove l'onda sonora da manipolare è più ingrandita.

E le app non (ancora) adattate? La nuova proporzione comporta che  funzioneranno comunque, ma saranno centrate e circondate da bande nere ai lati più corti. Non è un gran problema ma può essere necessario del tempo per abituarsi e correggere la propria memoria motoria, sopratutto nell'uso di tastierino e di file di pulsanti posizionate in alto o in basso nello schermo.

Fotocamera

Da tempo l'iPhone è diventato la mia macchina fotografica per tutti quegli scatti che richiedono più prontezza che nitidezza e controllo, nonchè una possibilità di rielaborazione e condivisione immediata. La fotocamera dell'iPhone 4S aveva già rappresentato un salto di qualità significativo, con risultati paragonabili a quelli di macchinette compatte. L'iPhone 5 porta in dote una maggiore sensibilità in condizioni di scarsa luminosità, cosa che permette di far foto di sera o in interni dove altrimenti i dettagli si perderebbero nelle ombre.

iphone5_04_foto_scarsa_luce_emb8.jpg

Connettore

Il nuovo connettore Lightning, che va a sostituire quello da 30 pin, è più maneggevole e facile da usare. Completamente dritto, si infila sempre senza difficoltà, anche senza guardare.
L'adattatore  da Lightning a 30 pin di Apple risolve alcuni dei problemi di compatibilità con gli accessori: dalle prove fatte fanno ad esempio eccezione quelli che utilizzavano il connettore come sostegno, come le tante docking station.

Performance

Nell'uso non ho riscontrato problemi di sorta: le tante app sono state gestite con prontezza e in scioltezza, anche quando si trattava di aprire numerose pagine web o fare rendering 3D di giochi e mappe. La durata della batteria è in linea con le aspettative, ovvero una giornata scarsa di utilizzo intenso, un po' di più nella maggior parte dei casi.
Inoltre, l'iPhone 5 mi è sembrato generalmente più reattivo e preciso rispetto ai modelli precedenti con software che usano la rilevazione della posizione tramite GPS, come mappe di vario genere e app per il fitness che tengono traccia del percorso fatto.
I nuovi auricolari EarPods inclusi hanno effettivamente un audio migliore del modello precedente. Anche il posizionamento nell'orecchio è più efficace e confortevole, anche se, nel mio caso, comunque non perfetto.

Conclusioni

L'iPhone 5 è un ottimo smartphone che offre alcuni sensibili miglioramenti rispetto ai modelli precedenti, ma non li rende obsoleti sotto tutti gli aspetti. Lo consiglio senza dubbio a chi sta valutando l'acquisto del suo primo smartphone, ma anche a chi ha già un iPhone 4 o precedente e sente il bisogno di qualcosa di più potente. Chi usa app esigenti godrà della potenza di elaborazione e lo stesso vale per la maggior sensibilità fotografica, che aumenta versatilità e utilità del dispositivo.
Di contro alcune delle nuove caratteristiche di cui Apple ha dotato l'iPhone 5, come lo schermo maggiorato e la connettività cellulare 4G, sono lontane dall'esprimere appieno il loro potenziale. Al momento i software con un'ottimizzazione non puramente cosmetica sono pochi e la copertura mobile "Internet veloce" è alla portata dei residenti di pochissimi grandi centri urbani italiani.

Nota: si ringrazia Serena Di Virgilio per la collaborazione nella stesura dell'articolo.

© Riproduzione Riservata

Commenti