Sicurezza

ProtonMail, la posta elettronica svizzera a prova di spia

Un gruppo di fisici del Cern lancia un servizio webmail sicura. "È facile come Gmail, ma non può entrarci neanche l'Nsa", dicono

"Non abbiamo inventato ProtonMail per aiutare chi ha qualcosa da nascondere, ma perché crediamo che la privacy sia un diritto fondamentale, che al momento è fuori dal nostro controllo"

Non disperate: forse c’è un modo per rendere le vostre mail private davvero private. L’ha inventato un gruppo di fisici ed esperti di informatica, con alle spalle anni di studi (e a volte doppie lauree) ad Harvard e al Massachusetts Institute of Technology (Mit).

Quando Edward Snowden ha alzato il velo che celava le attività di spionaggio dell’Nsa americana, i futuri creatori di ProtonMail erano in Svizzera, al Cern di Ginevra. “Abbiamo iniziato a leggere di come l’Nsa spiava i dati degli utenti e siamo andati fuori di testa”, ha detto Jason Stockman, uno degli sviluppatori, all’Huffington Post. Ne è nato ProtonMail, un servizio web mail che, assicurano i suoi creatori, “è facile da usare: non ci si accorge nemmeno della crittografia complessa che c’è sotto, anche perché non ci sono programmi da installare o chiavi di sicurezza. È come Gmail, ma più sicuro”.

Non è un caso che sia nato in Svizzera: chi ha cercato di creare servizi di posta sicura negli Stati Uniti, finora, è sempre stato costretto a chiudere , per colpa delle pressioni del governo americano. La patria del segreto bancario, per ora, permette a ProtonMail di esistere. I più pignoli l’hanno già criticato , ma è di certo più sicuro di molti altri servizi.

“Potete fidarvi di noi”, dicono i fondatori, “anche perché le mail restano tra voi e il destinatario: se noi non possiamo leggerle non potremo mai girarle a un’agenzia governativa”. ProtonMail stato lanciato sabato e potete iscrivervi senza pagare nulla. Serve solo un po’ di pazienza: vista la gran richiesta al momento c’è una lista di attesa.

© Riproduzione Riservata

Commenti