Questo sito contribuisce alla audience di TGCOM24
Mytech

Scuola: cinque consigli tecnologici per lo studente 2.0

Dalla penna elettronica all’ebook reader, dallo scanner portatile all’app per la condivisione dei compiti digitali, ecco qualche idea hi-tech per modernizzare il corredo scolastico

iPad a scuola

– Credits: Janitors@Flickr

Si torna in classe e per molti studenti (e genitori) è arrivato il momento di (ri)mettere mano al portafogli per rifarsi il guardaroba scolastico. Accanto agli inossidabili accessori per l'alunno che non deve chiedere mai – zaino, astuccio e diario gli evergreen più gettonati - ecco affacciarsi qualche gadget tecnologico che promette di svecchiare e,  in qualche caso, di alleggerire il corredo per l'istruzione. Qui di seguito cinque suggerimenti hi-tech (o low-tech) che abbiamo selezionato per voi.

Livescribe, la penna elettronica

Si scrive Livescribe ma si legge "smartpen", ovvero una penna tecnologica capace di fare molto più della sua progenitrice a sfera. Livescribe permette infatti di prendere appunti e, contemporaneamente, di registrare l'audio in aula, eliminando all'occorrenza i rumori di fondo.  Non si tratta, però, di una semplice penna-registratore. Livescribe (149 dollari per il modello Pulse da 2 Gb) è in grado di esportare su Pc non solo il file audio, ma anche il testo scritto a mano come se fosse un normale file Word. Inoltre, grazie a un sensore infrarossi integrato, può sincronizzare l’audio registrato con il testo in modo da informare lo studente su ciò che stava scrivendo nell'attimo esatto in cui veniva pronunciata una determinata parola in classe: è sufficiente “cliccare" con la penna su una parte di testo per riascoltare l'audio corrispondente [leggi l’approfondimento] .

Livescribe-cop_emb8.jpg

VistaQuest, lo scanner portatile per le fotocopie 2.0

Copiare la pagina di un libro o un appunto cartaceo? C’è chi ricorre alla buona e vecchia fotocopia e chi, invece, si è attrezzato a dovere con uno scanner portatile. Quello di VistaQuesta (circa 50 euro) è grande più u meno come una spazzola per lisciare i capelli e sta comodamente in uno zaino. Si accende, si passa lentamente sul foglio e si scarica il risultato in formato digitale sull Pc o qualsiasi altro supporto digitale dotato di presa Usb.

VistaQuest-DHVQHS500X_emb8.jpg

E-book reader, un "libro" che contiene migliaia di libri

Se i libri di testo fossero sostituiti dagli ebook, la “cartella” sarebbe una specie in via d’estinzione. Del resto quale altro oggetto al mondo – se non un lettore di libri elettronici - può ospitare al suo interno migliaia di libri (con una qualità dello scritto assimilabile a quella della carta stampata) occupando lo spazio di quadernino delle elementari? Nell’attesa che gli istituti (e gli editori) si attrezzino a dovere per completare la rivoluzione della scuola digitale, gli studenti (di tutte le età) possono comunque anticipare i tempi, dotandosi di uno dei tanti ebook reader presenti sul mercato [tutto quello che c'è da sapere sui libri elettronici] .

Ebook-generica_emb8.jpg

SMART Notebook, l’applicazione che trasforma l’iPad in una lavagna digitale

Di "app" per prendere appunti digitali ce ne sono a bizzeffe, ma quella creata da SMART Technologies (SMART Notebook per iPad , 5,49 euro su iTunes) promette di fare qualcosa in più. Sstudenti e insegnanti (purché dotati del tablet di Apple) possono di fatto utilizzare e condividere i materiali didattici interattivi in un piccolo grande ecosistema digitale: SMART Notebook per iPad permette infatti di scrivere, cancellare, aggiungere testo, spostare oggetti e inserire immagini (utilizzando all’occorrenza il rullino fotografico dell'iPad). Tutti i contenuti possono essere quindi inviati via e-mail all'insegnante per la correzione o trasmessi in streaming su una lavagna digitale (SMART Board) per essere mostrati in classe.

SMART-Notebook_emb8.jpg

La sveglia che scappa

Se il vostro spauracchio non sono né i libri né i professori ma l’eventualità di non sentire la sveglia, bucando clamorosamente l'interrogazione di italiano, ecco l’oggetto che fa per voi. Si chiama Clocky Alarm ma è più nota come la "sveglia che scappa". Alla fatidica ora, la sveglia si mette letteralmente in moto (grazie a due ruote integrate) suonando all’impazzata. Praticamente impossibile provare a spegnerla sul nascere; crudele ma utile.

clocky-alarm.jpg

Seguimi su Twitter: @TritaTech

© Riproduzione Riservata

Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>