Reflex

Canon, ecco il sensore che vi farà vedere le stelle

Un full-frame così sensibile da permettere la video-ripresa in full HD della via Lattea. Un video ci mostra gli ultimi sviluppi delle tecnologie full-frame della casa giapponese

I contenuti di questo post sono stati prodotti in autonomia dall’autore che appare nella sezione autore prima dell'inizio del testo, i contenuti di questo post possono essere associati a un brand promozionale tramite la dicitura “sponsorizzato da” oppure “offerto da” con il logo dello sponsor ben visibile.

Un prototipo di una fotocamera con il nuovo sensore full-frame di Canon

Per quanto sempre più evolute e iper-tecnologiche, le reflex di oggi non possono spingersi oltre certi limiti. Riuscire a filmare in modo convincente una stella cadente o una stanza illuminata dalla sola luce di un incenso acceso, ad esempio, è impresa pressoché impossibile anche per la macchina più sensibile attualmente in circolazione.

Canon, però, starebbe lavorando su un nuovo sensore in grado di stracciare ogni benchmark per quanto riguarda le riprese – e in particolare quelle video – in condizioni di scarsa luminosità. Si tratta di un nuovo Cmos da 35 mm in grado di catturare pixel da 19 micron quadrati, una misura 7,5 volte maggiore rispetto a quella della miglior reflex Canon oggi in commercio, la Eos 1D X.

Con caratteristiche di questo tipo, spiega la casa giapponese, una reflex digitale sarebbe in grado di effettuare video di buona qualità in condizioni di luminosità pari a 0,03 lux, più o meno la quantità di luce presente in una notte di luna crescente.

Questo video, girato con un prototipo Canon dotato del nuovo sensore full-frame, fa capire meglio di qualsiasi parola il salto evolutivo rispetto al passato.

Naturalmente prima di spingersi in facili proclami, bisognerà capire quale sarà la resa dei video in termini di rumore e risoluzione colore; per il momento, però, si può comunque dire che si tratta di una tecnologia piuttosto promettente, soprattutto nell’ottica di alcune applicazioni di imaging, si pensi ad esempio alla video-fotografia astronomica, alla ricerca medica, alla video-sorveglianza e a tutti quegli ambiti nei quali si opera in condizioni di luminosità al limite.

Seguimi su Twitter: @TritaTech

Leggi anche

Canon Eos 6D, la recensione

Piccola maneggevole, ma anche decisamente robusta in termini di assemblaggio e dotazione. Ecco come va la nuova full-frame "compatta" della casa giapponese

Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>