Reflex

Canon Eos M, la mirrorless che tutti aspettavano

Compatta, ipertecnologica, costosa: anche la casa giapponese ha la sua compatta senza specchio a ottiche intercambiabili

Canon Eos M

– Credits: Canon

Qualcuno era pronto a scommettere già dopo la presentazione della Nikon 1 , la mirrorless della concorrenza. Qualcun altro aveva già subodorato l’annuncio dopo aver visto il pancake apparso in concomitanza con la nuova Canon Eos 650D . Ora, finalmente, è arrivata anche la conferma ufficiale: Canon fa il suo ingresso nel mercato delle compatte a ottiche intercambiabili, le macchine fotografiche che promettono una qualità d’immagine prossima a quella del mondo reflex ma con pesi e ingombri decisamente più soft.

Il primo modello senza specchio di Canon si chiama Eos M, e non a caso. La casa giapponese ha infatti voluto mantenere il marchio di fabbrica delle sue fotocamere migliori, "Eos”, come a ricordare che qui di piccolo ci sono solo le dimensioni. La nuova mirrorless di Tokyo si presenta infatti con un sensore ibrido (Cmos Aps-C) da 18 megapixel abbinato a un preocessore Digic 5. A ben guardare si tratta dello stesso corredo utilizzato sulla nuovissima Canon Eos 650 D, la già citata reflex touch screen della casa.

La società giapponese insiste dunque sul sistema AF ibrido che permette di togliere la castagne dal fuoco – o, meglio, dalla messa a fuoco – soprattutto quando si tratta di eseguire filmati: si inizia con la rilevazione di fase e si perfeziona il risultato con la tecnologia a contrasto.

Dalla Eos 650D, poi, la nuova Canon Eos M recupera anche il sistema di interazione “a tocco”, qui affidato a un panello touch-screen da 3 pollici (poco più di 7 centimetri e mezzo) e tutta una serie di filtri creativi (dall’effetto Toy Camera al simil fish-eye, fino al bianco e nero sgranato) che piacciono tanto agli amanti della fotografia in formato social network.

Sul piano puramente prestazionale la nuova mirrorless di Canon ammicca a tutti i video amatori, che di fatto hanno a disposizione sul palmo della mano uno strumento per realizzare filmati in formato Full HD con audio stereo, ma anche a tutti coloro che vogliono una macchina capace di cavarsela con condizioni di luce al limite (la sensibilità nativa va da 100 a 12.800 ISO, estendibile a 25.600), considerata l'assenza di un vero flash integrato.

Per quanto riguarda gli obiettivi, invece, la nuova Canon Eos M porta in dote due nuove lenti con motore passo-passo, lo zoom standard EF-M 18-55 mm f/3.5-5.6 IS STM e il grandangolo EF-M 22 mm f/2 STM, studiate per assecondare al meglio tutta la “meccanica” interna della fotocamera, e in particolare il sistema di messa a fuoco ibrido. Va detto, però, che pressoché tutte le ottiche del sistema reflex Canon saranno compatibili utilizzando un adattatore.

Come buona parte delle macchine concorrenti, anche la nuova Canon Eos M si colloca su una fascia di prezzo piuttosto elevata: la versione in kit con il 18-55 mm e il flash Speedlite 90EX sarà disponibile a fine settembre 2012 al costo indicativo di 915 euro Iva inclusa.

Seguimi su Twitter: @TritaTech

© Riproduzione Riservata

Commenti