Questo sito contribuisce alla audience di TGCOM24
Mytech

Minecraft, un record dopo l'altro

Il gioco indie ormai è un fenomeno planetario: dopo PC e smartphone ha invaso anche Xbox 360, raggiungendo i 30 milioni di utenti

minecraft_xbox-360_5

Un'immagine della versione per Xbox 360 – Credits: Mojang

Si espande fuori controllo l'epidemia del virus-Minecraft, che ha infettato ormai milioni e milioni di persone in tutto il mondo. Per la precisione, ha venduto oltre 9 milioni di copie e raccolto 30 milioni di utenti registrati. Per un gioco indie, ossia in sostanza autoprodotto, si tratta di un traguardo sbalorditivo. Probabilmente in questo preciso momento il suo creatore, lo svedese Markus "Notch" Persson, si sta facendo una nuotata nelle banconote come Zio Paperone.

Un successo d'altra parte meritato, perché Minecraft, se non originalissimo, è davvero brillante: ti mette a disposizione un mondo da esplorare a piacimento, in stile action adventure, ma soprattutto ti permette di costruire qualunque cosa desideri utilizzando dei "blocchi" di vario genere. Semplice nella logica, pressoché illimitato negli sviluppi: sai quando cominci a giocare, ma non quando smetti, e non c'è praticamente limite alla creatività.

Pubblicato nel 2009 in una versione alpha incompleta, e senza un produttore alle spalle, nel giro di due anni Minecraft è diventato il gioco indie più influente del mondo e ha invaso anche Android e iOs. Mancavano solo le console di casa, e voilà, a inizio maggio 2012 ha fatto il suo debutto trionfale su Xbox 360 segnando dati impressionanti: 1 milione di copie in cinque giorni. Un record, per i giochi scaricabili della console Microsoft.

Non basta: è notizia fresca che Minecraft ha scalzato Call of Duty: Black Ops dalla classifica dei titoli più giocati online su Xbox Live, piazzandosi secondo dopo Modern Warfare 3 ; Black Ops stava nelle prime due posizioni senza interruzioni da quando è uscito, nel 2010. Davide batte Golia?

© Riproduzione Riservata

Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>