Mytech

Le migliori applicazioni per iPad: King of Opera

Una ilare lotta all'ultimo colpo per conquistare il palcoscenico

King of Opera è un divertente gioco per iPad (e iPhone) in cui vestiamo i panni di un corpulento cantante lirico che deve conquistare l'attenzione del pubblico. Originale e estremamente divertente, l'app trasforma lo schermo touch in un palcoscenico virtuale in cui fino a quattro giocatori si devono contendere un fascio di luce e la fama canora a colpi di... pancia.

Come si gioca

I controlli di King of Opera sono semplici quanto ingegnosi: ogni tenore ruota su sé stesso pavoneggiandosi e premendo un pulsante lo faremo catapultare in avanti.

King-of-Opera-Controlli_emb8.jpg

Oltre a "mettersi" in luce è necessario ostacolare gli altri tenori (che possono essere altri giocatori o personaggi pilotati dall'app): il risultato è una serie di frenetici inseguimenti, scontri e manovre di evasione, il tutto condito e punteggiato da musica lirica, vocalizzi e buffi suoni. Se si viene buttati giù dal palco, cosa che succede spesso, nessun problema: un istante dopo il tenore ricomparirà al centro, pronto a proseguire la sfida.

King-of-Opera-Modalita-Original_emb8.jpg

Le sfide sono composte da tre atti. Vince chi riesce a rimanere più a lungo nell'occhio di bue, guadagnandosi la corona di “re dell’opera”.

King of Opera ha tre modalità di gioco. Se in quella "Original" bisogna rubare le luci della ribalta agli altri tenori, in quella “Phantom” dovremo rincorrere l’adorato fascio di luce e evitare le bucce di banana lanciate sul palco da un fantasma. L'ultimo aggiornamento dell'app ha portato una terza modalità, chiamata "Fat Lady". È simile a quella "Original" ma la lotta è resa ancora più ardua dalla presenza di un quinto avversario, una enorme e ingombrante cantante.

King-of-Opera-Modalita-Fat-Lady_emb8.jpg

Sull'App Store

King of Opera è in vendita sull'App Store a 0,79 Euro . Il software è universale e funziona sia su iPad che su iPhone e iPod touch, anche datati: i requisiti operativi del gioco sono iOS 3.0 o successivo.

Nota: si ringrazia Serena Di Virgilio per la collaborazione nella stesura dell'articolo.

© Riproduzione Riservata

Commenti