Mytech

Le migliori applicazioni per Android: Multiponk

Una variante moderna e originale di Pong da giocare da soli o in compagnia

Realizzato dalla software house Fingerlab, Multiponk è un gioco per cellulari e tablet con il sistema operativo di Google che propone un misto di Pong e Arkanoid. Perfetto per una partita da soli come anche lunghe sessioni con più amici, l'applicazione è curata nella grafica e nella colonna sonora, è realistica grazie a un motore di fisica e soprattutto avvince e non annoia mai grazie a sette modalità di gioco, undici bonus e altre sorprese.

Come si gioca

Sul campo c'è una pallina e manovrando con il dito una paletta bisogna difendere la propria porta e cercare di infilare quella dell'avversario. La particolarità del gioco è l'originalità e imprevedibilità: nei vari livelli la pallina si ingrandisce, ne viene variata la velocità, cambia il centro di gravità, vengono invertiti i comandi. E ancora: possono comparire due o più palline oppure ostacoli come una nuvola al centro dello schermo o un robot che con le sue lunghe braccia spazza con forza la sfera verso la nostra porta.

Multiponk-per-Android-Livelli_emb8.jpg

Possiamo giocare sia da soli contro l'intelligenza artificiale, che sfidare altri giocatori. Multiponk dà il meglio di sé proprio in compagnia e su uno schermo più grande, come quello dei tablet, possono esserci fino a quattro giocatori contemporaneamente su ogni lato: basta scegliere la modalità che più si adatta alle propri capacità, da quella "classica" a quella "baby" rallentata e quindi più facile, sino alla frenetica "death ball" dove vengono messe in gioco tante palline una dopo l'altra.

Dove scaricare il software

Multiponk per Android è in vendita a 1 Euro su Google Play . I requisiti variano in base al dispositivo: nel nostro caso non ci sono stati grossi problemi a giocare su un cellulare di qualche anno fa con Android 2.3. La (ottima) musica del gioco si può ascoltare sul sito di Fingerlab e acquistare su iTunes .

Nota: si ringrazia Serena Di Virgilio per la collaborazione nella stesura dell'articolo.

© Riproduzione Riservata

Commenti