Internet

Amazon sfida iTunes con un web store a misura di cliente Apple

Con AmazonMP3 sarà possibile acquistare file musicali su Amazon direttamente dal proprio dispositivo mobile e ascoltarli direttamente. Apple comincia a masticare amaro

AmazonMP3

– Credits: Amazon

Non bastava la concorrenza di SoundCloud, non bastava la costante crescita di web radio come Pandora, non bastavano GrooveShark, Songza, Deezer, a rompere le uova nello sconfinato paniere Apple ora interviene anche Amazon, annunciando uno strumento che consentirà agli utenti iOS di acquistare e ascoltare mp3 su Amazon, senza che un solo dollaro finisca nelle casse di Apple.

Fino ad oggi, per tutti gi mp3 che venivano acquistati utilizzando l’apposita app su dispositivi mobile iOS, Amazon doveva pagare ad Apple una quota pari al 30%. Per aggirare questo pedaggio, Amazon ha lanciato AmazonMP3 , un web store cui gli utenti iOS (e non solo) potranno acquistare oltre 20 milioni di file musicali.

Ecco come funziona il sistema. Il web store è accessibile da desktop e da mobile (per ora solo agli utenti americani), ed è stato oculatamente calibrato in modo da funzionare alla perfezione su Safari. Una volta che un utente iOS fa un acquisto sul AmazonMP3 il brano viene automaticamente trasferito sul suo account Amazon Cloud Player e può essere riprodotto immediatamente utilizzando l’app di Cloud Player che, guarda caso, è disponibile per la quasi totalità dei dispositivi mobile.

“Fin dal lacio dell’app Amazon Cloud Player per iPhone e iPod touch, una delle richieste più iterate dai nostri clienti è stata la possibilità di comprare musica da Amazon direttamente dai loro dispositivispiega Steve Boom, vicepresidete di Amazon Music, “Per la prima volta nella storia, gli utenti iOS hanno questa possibilità, ora possono accedere all’enorme catalogo musicale di Amazon, oltre a raccomandazioni personalizzate e offerte come album a 5 dollari e canzoni per 0,69 centesimi. Possono comprare la loro musica una volta sola e ascoltarla ovunque.

Questa novità rientra nel solco delle mosse espansionistiche che Amazon sta operando in ambito musicale. La settimana scorsa, l’azienda di Seattle ha introdotto AutoRip , un nuovo sistema che consente a chiunque acquisti (o abbia acquistato dopo il 1998) un CD originale di trovarne automaticamente una copia digitale gratuita sul suo account Cloud Player.

Al momento era sembrata una mossa debole, ma alla luce del nuovo Web Store, la strategia appare chiara: Amazon sta facendo di tutto per convincerti a non arricchire ulteriormente la tua libreria iTunes. Ci riuscirà?

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Musica online, la guerra dello streaming

Le vendite dei cd continuano a crollare e il digitale cresce ma non sempre compensa la sparizione del mercato dei supporti fisici: nel 2012 lo streaming ucciderà davvero anche il download?

Lo streaming musicale è meno ecosostenibile dei cd

L'abitudine di promuovere ed ascoltare musica in streaming si sta diffondendo alla velocità della fibra ottica, ma un nuovo studio rivela che lo streaming musicale è tutt'altro che ecosostenibile. Sicuramente meno dei cd

Spotify nel browser, Apple sfida Pandora?

Grandi novità in arrivo per la musica in streaming: Spotify sarebbe in procinto di diventare accessibile da browser (come vari altri concorrenti); il tutto mentre Apple potrebbe lanciare il proprio servizio di radio online

Commenti