Questo sito contribuisce alla audience di TGCOM24
Mytech

HP, compri un computer e incontri Gwen Stefani

Presentata, in collaborazione con la Universal, la piattaforma "Connected Music", che dà accesso anche a concerti e premi esclusivi

Il gruppo dei No Doubt. Un loro concerto ha inaugurato il servizio HP Connected Music

da Parigi

Chi l’ha detto che è impossibile stringere la mano a Justin Bieber, sedersi a tavola con i Black Eyed Peas o entrare in uno studio di registrazione con Lady Gaga? Per riuscirci servono due cose: un po' di fortuna e un nuovo computer fisso, ibrido o portatile marchiato HP. Il colosso americano, nel corso di un evento organizzato a Parigi, ha infatti lanciato «Connected Music», nuova piattaforma musicale a cui è associata un’iniziativa riservata a tutti gli acquirenti di prodotti con a bordo Windows 8, il nuovo sistema operativo della Microsoft.

Il meccanismo è semplice. Grazie a una partnership con la Universal Music, si può entrare in un club esclusivo che mette a disposizione dei suoi soci biglietti d’ingresso per concerti per pochissimi eletti, viaggi e pacchetti vip per incontrare i propri artisti preferiti o scoprire i luoghi simbolo dove nascono le loro canzoni. E, finanche, avere la possibilità di mangiare con loro. «Siamo la casa discografica numero uno al mondo, presente in 77 mercati e con tantissimi artisti nel nostro catalogo. Siamo felici di poter dare questa possibilità in più ai fan dei nostri cantanti» ha detto Olivier Robert-Murphy, responsabile mondiale del new business della Universal.

Ma al di là dei premi più appetibili, con «Connected Music» HP ha deciso di premiare tutti i suoi nuovi clienti, o comunque chi decide di fare il salto nella galassia di Windows 8. Ecco dunque, da subito, la possibilità di accedere gratis per 90 giorni, in streaming, all’intero catalogo musicale della Universal. E per chi sceglie alcuni prodotti in particolare (Spectre e Envy), sono inclusi anche 10 download gratuiti al mese per tre mesi. Per il resto, parliamo di un servizio che in qualche modo può ricordare i vari iTunes, Xbox Music e altri, ma che almeno fa un tentativo per differenziarsi, per distinguersi, imboccando strade finora poco battute. Nello specifico, un intero corollario di iniziative che scavallano il semplice ascolto della musica: tra le altre, solo per citare una competizione attiva al momento, la possibilità di vincere tutti insieme i migliori 10 dischi dell’anno.

«Il nostro è un ragionamento molto coerente» ha detto Eric Cador, general manager di HP per l’Europa, l’Africa e il Medio Oriente «che prosegue il nostro percorso in campo musicale dopo la partnership con Beats, azienda numero uno nella qualità del suono (e che fornisce il lato audio di alcuni prodotti top dell’azienda, ndr). Ci piace questa iniziativa e ci piace lasciarla alla libera scelta dei nostri clienti». Dunque, leggendo tra le righe, nessun obbligo: ognuno decida tranquillamente se rivolgersi a Connected Music, e godere dei suoi bonus, o bussare altrove.

HP-Connected-Music-Envy-TouchSmart-Ultrabook-4_emb8.jpg

Certo, a toccare con mano i computer fissi, i portatili, gli ibridi dell’azienda americana targati Windows 8, tutti caratterizzati da un elevato contenuto di design, non è difficile chiudere il cerchio, spiegare il tentativo dell’azienda americana di scegliere gli alleati giusti per arricchire l’hardware con un ecosistema di contenuti che sia all'altezza del prodotto fisico e sappia distinguersi. L'ariete, stavolta, è una personale interpretazione della fruizione della musica e, nello specifico, un concerto esclusivo di Gwen Stefani e dei No Doubt, che vale come calcio d'inizio per Connected Music. Perché un conto è ascoltare una canzone in cuffia o dalle casse di un computer, tutta un'altra storia è sentirla suonare dal vivo. E, magari, dopo essere stati nel backstage per una foto con il proprio artista preferito. Che ce ne sia abbastanza per stuzzicare nella concorrenza dei tentativi d’imitazione?

Twitter: @marmorello

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Ifa, tra tablet e notebook il confine non c’è più

Computer portatile e tavoletta non sono più due mondi a parte. I principali produttori, da HP a Samsung, da Sony a Toshiba, hanno presentato i loro ibridi. Prodotti con tastiera estraibile o a scomparsa in grado di far convivere nello stesso oggetto le funzioni (e la comodità) dei due dispositivi

Ultrabook: come sta andando l’invasione?

Dopo tanti annunci stanno arrivando sugli scaffali italiani i primi computer portatili, sottili, con performance elevate e buona durata della batteria. Panorama.it ha intervistato Giampiero Savorelli di HP Italia per fare un primo punto sulla categoria e approfondire le strategie di uno dei brand leader del settore

Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>