Mytech

Facebook lancia un nuovo calendario per i suoi Eventi. Era ora

Basta con la pioggia di inviti inutili e inaggirabili, basta con gli eventi che non si trovano, basta con la confusione sovrana: Facebook ha deciso di cambiare la sua pagina Eventi. In 900 milioni tirano un sospiro di sollievo

Calendario vintage

– Credits: I like @ Flickr

Stranamente, ci è voluto Google+ per convincere Facebook a mettere definitivamente mano a quel intrico di date, inviti e compleanni che era, fino a ieri, la sezione Eventi. Tra le tante novità introdotte da Google durante la I/O Conference di  fine giugno, una delle più apprezzate è stata sicuramente il lancio di Google+ Events , una sorta di quartier generale per l’organizzazione di feste, ricorrenze, incontri con gli amici, compleanni e via dicendo. A quel punto, molti di quegli utenti che hanno un account su entrambe le piattaforme hanno cominciato a chiedersi come fosse possibile che Facebook, solitamente diversi passi avanti a Google+, ancora offrisse una sezione Eventi disastrosamente disordinata.

Detto fatto, oggi Facebook ha annunciato l’introduzione di una pagina Eventi completamente rinnovata e decisamente più commestibile. La nuova interfaccia, che verrà introdotta nelle prossime ore, prevede due modalità di visualizzazione degli eventi. Nella modalità Calendar, si potrà visualizzare un vero e proprio calendario a tutta pagina dove nella casella di ogni giorno sono visualizzabili inviti pendenti, inviti accettati, compleanni etc. Per rifiutare un invito, per cancellarlo o per esprimersi riguardo a una possibile presenza, è sufficiente passare col mouse sopra la casella, senza bisogno di cambiare pagina. È possibile visualizzare anche gli eventi del mese successivo scrollando verso il basso. Questo significa che non hai più scuse per dimenticarti i compleanni degli amici.

Facebook-Calendar-2_emb8.jpg

La seconda modalità di visualizzazione si chiama List e consiste un elenco di eventi suggeriti, inviti pendenti e date importanti organizzato secondo un flow verticale. A differenza della vecchia pagina eventi, tuttavia, sulla sinistra ci sarà sempre un piccolo calendario che ti permetterà di non perderti nella marea di notifiche che solitamente intasa questa pagina. Inoltre, con questa interfaccia avrai modo di sbarazzarti di tutti gli inviti inutili nel giro di pochi colpi di click.

Facebook-Calendario-1_emb8.jpg

La tempistica con cui i nuovi Eventi sono stati annunciati lasciano pensare a un tentativo di Facebook di non ritrovarsi a mangiare la polvere di Google+. In realtà, nella nota condivisa da Bob Baldwin Facebook si legge di questa ristrutturazione se ne parla almeno da un anno, e dunque è possibile che faccia parte di una strategia a lungo raggio.

A Menlo Park, del resto, è ormai diventato palese che il futuro di Facebook non rimarrà circoscritto alle competenze di un normale social network. Ogni settimana, Facebook punta sempre più a diventare il baricentro per l'attività online nel suo complesso. Facebook ti dà un’identità per iscriverti ad altri servizi, ti dà un Diario per tenere traccia cronologica della tua biografia, per molti è diventato l’equivalente di un blog, da riempire con foto, video, considerazioni, link e sproloqui su qualunque cosa. Da qualche settimana, poi, Facebook è anche un punto di riferimento per l’utilizzo di social app, una specie di centro commerciale dove trovare un assortimento di applicazioni commerciali e di sviluppatori indipendenti.

In attesa che Facebook riveli le proprie intenzioni nei confronti del mobile-banking, la nuova pagina Eventi dichiara a gran voce l’intenzione di diventare un punto di riferimento per chi vuole organizzare eventi e tenerne traccia per gli anni a venire. Per avere successo, tuttavia, è fondamentale che Facebook estragga dal cilindro qualcosa di simile al Party Mode di Google+ . I presupposti ci sono (la Timeline è un contenitore perfetto per Eventi “aumentati”), un’utenza vasta e interconnessa pure, hanno persino Google alle calcagna: sarà questione di settimane.

Seguimi su Twitter: @FazDeotto

© Riproduzione Riservata

Commenti