Questo sito contribuisce alla audience di TGCOM24
Mytech

E3, Così la Xbox diventa il centro dell’intrattenimento

Microsoft svela le evoluzioni della sua console: smartphone e tavolette per interagire con la tv o navigare su internet, un servizio musicale con 30 milioni di canzoni tra cui scegliere, un uso sempre più avanzato della voce. Oltre a un lungo elenco di giochi spettacolari: per divertirsi o mantenersi in forma come un atleta professionista

Con Xbox SmartGlass il televisore potrà dialogare con tavolette e smartphone

da Los Angeles

Stiamo guardando un film o una serie sul televisore, intanto sulla tavoletta compaiono informazioni sugli attori, sul regista, oppure addirittura una mappa che ci indica dove si trovano i diversi personaggi coinvolti nell’azione. Assistiamo a una partita di calcio, ed ecco sul tablet la tattica delle due squadre, l’elenco dei marcatori e delle sostituzioni. Siamo alle prese con uno sparatutto e sempre sulla tavoletta ecco le armi che abbiamo sbloccato e le munizioni che ci restano. Apriamo il browser per navigare sul web tramite Internet Explorer direttamente sulla tv e muoviamo il dito sul telefonino per spostare il puntatore che appare sullo schermo del salotto. Ecco alcune delle funzioni di Xbox SmartGlass, il servizio che arriverà entro l’anno sulla console di casa Microsoft e che è stato presentato in anteprima qui a Los Angeles durante la conferenza stampa che precede l’E3, la fiera dei videogiochi più importante al mondo.
Si tratta di una novità molto interessante perché trasforma qualsiasi televisore in una tv intelligente e crea un dialogo diretto tra i dispositivi che usiamo più di frequente. Il bello, infatti, è che questo sistema è compatibile con Android, iPhone, iPad, Windows Phone, insomma con tutti i gadget che già popolano i nostri zaini e le nostre tasche. Quando sarà reso disponibile potremo iniziare a usarlo scaricando solo un aggiornamento, senza acquistare nulla. Insomma, che le console non siano più soltanto macchine per giocare è chiaro da tempo. Ma la conferma definitiva di questa evidenza arriva appunto da Xbox SmartGlass e da tutti i contenuti che si possono associare, dai film allo sport. Fino alla musica: altro servizio mostrato in anteprima è Xbox Music, che offrirà 30 milioni di brani tra cui scegliere, sempre disponibili in qualsiasi momento e non solo su console o dispositivi mobili, ma anche sul pc. Consigliandoci brani affini a quelli che ci piacciono o aprendosi a contaminazioni in salsa social, vista la possibilità di sapere cosa stanno ascoltando i nostri amici in quel momento. Insomma, in anticipo sul lancio di Windows 8, la Microsoft ha esibito le potenzialità di un ecosistema che pone la console al centro dell’intrattenimento domestico. E lo ha fatto con un sistema aperto, che non ci costringe a comprare hardware specifico o marchiato allo stesso modo. Una specie di bordata al concorrente numero uno, la Apple, a cui però non si disdegna di strizzare l’occhio con un servizio che sembra simile all’AirPlay della mela morsicata. Funziona così: se per esempio sto vedendo un film sul tablet, potrò riprodurlo sul televisore con un semplice tocco sullo schermo.
La vera stoccata è comunque a un altro concorrente, la Nintendo, che per le applicazioni interattive con la tv richiede la sua tavoletta-controller, mentre, lo ripetiamo, con SmartGlass si potrà far tutto con dispositivi di altri produttori.
Per il resto l’annuale conferenza di Microsoft è la consueta parata di giochi, trailer in anteprima e demo presentate dagli sviluppatori e qualche ospite d’onore. Si comincia con la musica del deejay olandese Armin Van Buuren, laser sul pubblico e le immagini dell’attesissimo Halo 4, sotto lo scacco di «un male antico che si risveglia». Spari e creature a parte, la notizia è che il titolo sarà disponibile a partire dal 6 novembre 2012. Poi è il turno di Don Mattrick, presidente dell’Interactive Entertainment Business di Microsoft, che annuncia: «Da numero uno nel Nord America, lo scorso anno la Xbox è stata la numero uno nel mondo». Insomma, mentre gli altri colossi delle console si leccano le ferite per bilanci non proprio entusiasmanti, a Redmond si esulta e lo si fa in modo palese.
Dopo una parentesi per Splinter Cell Blacklist di Ubisoft, in cui si parla, nientemeno, di «killing emotions», ecco Andrew Wilson, responsabile di EA Sports. Wilson è il portavoce di una novità che potrà piacere agli appassionati di calcio nostrani: Fifa 13, prossimo capitolo della fortunatissima serie, avrà un’integrazione con Kinect che gli permetterà di ubbidire ai comandi vocali. Potremo effettuare sostituzioni, cambiare tattica, ordinare passaggi o tiri solo con l’ausilio della voce.
Al di là di Gears of War e Forza Horizon, con un bel trailer tra sorpassi estremi, fuoripista ed elicotteri dalla guida allegra a complicare le cose sull’asfalto, merita una menzione la partnership con Nike per quello che è stato presentato come il futuro del fitness. Formula un po’ abusata, ma qui c’è sostanza. Il gioco si chiamerà Nike+ Kinect Training e porterà tra le mura domestiche gli standard usati da Nike per allenare i suoi migliori atleti, misurandone prestazioni e reattività. Ecco dunque sullo schermo il nostro personal trainer e, accanto, la nostra sagoma. Un meccanismo che ci dirà in tempo reale se ci stiamo comportando bene e cosa dobbiamo correggere. In più, pure qui divagazioni social grazie alla possibilità di condividere i risultati degli allenamenti sia con la community di Nike che con quella di Xbox.
Da segnalare un videogioco ispirato alla serie South Park, con i creatori saliti sul palco a ironizzare sull’iperconnettività del mondo digitale: potremo - hanno scherzato - controllare il gioco anche stando nel frigorifero. Poi, la collaborazione per alcuni titoli con Gore Verbinski, regista della saga dei Pirati dei Caraibi. Si chiude come si era aperto, stavolta con altri spari, non di Halo ma di Call of Duty e senza nessun annuncio di una possibile nuova console, nemmeno un fotogramma.
In verità, per tutta l’enfasi che è stata messa sulla Xbox 360 e sui suoi servizi aggiuntivi, un annuncio del genere sarebbe stato come minimo un controsenso.

Twitter: @marmorello

© Riproduzione Riservata

Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>