Questo sito contribuisce alla audience di TGCOM24
Mytech

iPhone 5: Apple a quota cinque milioni

L'azienda di Cupertino supera ancora una volta il suo ultimo record di vendite, ma l'incapacità di soddisfare le richieste dell'utenza limita la crescita

Credits: courtesy of Apple

A dieci giorni dall'inizio dei preordini e tre giorni di vendita effettiva nei negozi degli Stati Uniti e altri sette paesi, Apple ha annunciato di aver venduto "oltre cinque milioni" di esemplari di iPhone 5 .

Il nuovo iPhone ha superato i risultati dei modelli precedenti, anche se non nella stessa misura di quanto fatto con i preordini . Se nello stesso lasso di tempo, nel 2010, l'iPhone 4 ha totalizzato 1,7 milioni , nel 2011 l'iPhone 4S era arrivato a ben quattro milioni . Alcuni analisti di mercato, tra cui Gene Munster, avevano previsto vendite tra sei e dieci milioni, con il risultato che i pur ottimi cinque milioni hanno causato una leggera flessione in borsa, del 2%, del titolo di Apple.

Il problema sembra essere ancora una volta l'incapacità di Apple di gestire domanda e offerta. L'amministratore delegato Tim Cook nel comunicato descrive la richiesta "incredibile", afferma che l'azienda "ha esaurito le scorte iniziali" di iPhone 5 ma tranquillizza la clientela dicendo che i negozi continueranno a essere riforniti e sarà possibile fare ordini online e ricevere stime sulla consegna.

D'altro canto va detto che anche se le vendite l'iPhone 5 si dovessero mantenere a livelli simili a quelle dell'iPhone 4S, tra ottobre e dicembre Apple venderà comunque una rispettabilissima quarantina di milioni di cellulari. E dopo le feste natalizie il totale di dispositivi iOS venduti dal 2007, anche grazie agli iPad e ai nuovi iPod touch, supererà ampiamente i 450 milioni.

© Riproduzione Riservata

Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>