Questo sito contribuisce alla audience di TGCOM24
Mytech

Apple migliorerà le sue mappe (assumendo gli "ex" di Google)

La casa di Cupertino è alla ricerca di nuove figure che possano aiutarla a migliorare il suo servizio di cartografia digitale. Fra queste, a quanto pare, ci sarebbero anche molti tecnici che hanno lavorato su Google Maps

iPhone-5-mappe

– Credits: Apple

È un principio vecchio come il mondo: se vuoi arrivare al livello del tuo concorrente per prima cosa devi scoprire quali sono i suoi segreti. Ecco, pare chiaro che se Apple vuole migliorare le sue mappe nel minor tempo possibile ha solo un modo per farlo: copiare da Google.

Se pensate che tutto ciò sia troppo distante dalla filosofia del thinkdifferent-pensiero di jobsiana memoria vi sbagliate di grosso. Secondo quanto rivelato ieri da TechCrunch , infatti, la società di Cupertino starebbe già vagliando molti degli ex-dipendenti di Google nell’ottica di migliorare il team che lavorerà su Apple Maps.

Un imprenditore che ha lavorato su Google Maps e nella fattispecie sull’integrazione di Street View e sullo sviluppo della piattaforma di navigazione curva dopo curva, ha raccontato al sito americano di avere notizia di una serie di contatti avvenuti fra le risorse umane di Apple e alcune figure che hanno lavorato a vario titolo su Google Maps. Professionisti dei Gis, sviluppatori e altri specialisti della cartografia digitale che, dopo aver lavorato sul nocciolo duro di Google Maps, sarebbero pronti a iniziare una nuova avventura, meglio ancora se per un’azienda forte (e remunerativa) come Apple.

"Apple ha molto da recuperare se vuole costruire una piattaforma di mappe solida e capace di contrastare Google Maps", ha rivelato la fonte, "quindi non mi sorprende che stia guardandosi intorno per portarsi in casa ex e attuali dipendenti di Google. Chi ha lavorato su Google Maps sa quali sono i dati importanti, conosce le priorità di rendering, le modalità di ricerca di parole chiave, e sa come dovrebbe essere l'esperienza utente. Apple ha bisogno di crearsi una rete stradale di cinque milioni di chilometri, di collaborare con le persone giuste, spendendo una fortuna (cosa che può fare) su dati in licenza".

Le Apple Maps sono al centro di numerose critiche da quando, la scorsa settimana, la casa di Cupertino ha reso disponibile l’aggiornamento ad iOS 6. Nel centro del mirino ci sono soprattutto gli errori della cartografia e le approssimazioni nelle viste satellitari che - in molti casi - rasentano il paradossale, se non addirittura il comico .

Seguimi su Twitter: @TritaTech

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>