Mytech

Anche Lenovo si butta sui Chromebook. Per una buona ragione, anzi due

Dopo vari tentennamenti, il colosso cinese dei PC annuncia i suoi primi laptop con sistema operativo Chrome OS. Ecco cosa avranno in più (e in meno) rispetto ai modelli Windows

– Credits: Lenovo

Per quale motivo il più importante produttore di PC, uno dei fedelissimi della scuderia Microsoft, decide di portare al debutto due nuovi modelli con sistema operativo Chrome OS? È ciò che vien da chiedersi guardando i due nuovi laptop - N20 e N20p - annunciati oggi (e disponibili dalla prossima estate) da Lenovo.

Difficile credere a un improvviso colpo di fulmine fra il colosso cinese e il sistema operativo di Google, snobbato sulle prime. Né tanto meno si può dire che i due modelli in questione rappresentino un plus significativo sul piano tecnico. Stiamo parlando di due portatili (uno convertibile e l’altro no) con display da 11.6 pollici (1366 x 768 pixel la risoluzione per entrambi, touchscreen per il modello N20p) equipaggiati con processore Intel Celeron con scheda grafica integrata, due porte Usb, un’uscita Hdmi e autonomia stimata di circa 8 ore.

Ufficialmente Lenovo ha rivelato che alla base del lancio c’è l’ottimo riscontro ottenuto dagli unici due Chromebook sviluppati finora dall’azienda - il ThinkPad 11e and ThinkPad X131e - due modelli distribuiti esclusivamente per il mondo scolastico. Ma vien più da pensare che dietro agli annunci ci sia soprattutto la volontà di diversificare la proposta commerciale: i prezzi anticipati dalla società (279 dollari per l’N20, 349 dollari per l’N20p) fanno infatti dei due nuovi Chromebook Lenovo due modelli di entrata decisamente più economici dei corrispettivi entry level motorizzati Microsoft (il cui cartellino parte da 399 dollari). Questo anche per evidenti ragioni di licenza: mentre Chrome OS è un sistema operativo gratuito, Windows 8 è venduto a pagamento per tutti i dispositivi con display superiore ai 9 pollici.

Qualunque sia la reale motivazione che ha spinto Lenovo ad aprirsi al mondo Chrome OS c'è comunque da scommettere che il lancio dei nuovi Chromebook non sia stato ben accolto ai piani alti di Redmond.

 
© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti