Questo sito contribuisce alla audience di TGCOM24
Musica

Vasco Rossi torna dal vivo e lascia tutti 'Senza Parole' al Cromie

Il rocker di Zocca torna dal vivo a Castellaneta Marina. Tommy Vee: "Era in forma ed emozionato"

Vasco Rossi al Cromie (Credits: Facebook)

Giacca in pelle, occhiali da sole e stivali: Vasco Rossi è tornato. E lo ha fatto nell'unico modo possibile: cantando e suonando dal vivo davanti al suo pubblico. Tremila fortunatissimi (buona parte provenienti dal fansclub) ammiratori hanno potuto vedere il Blasco live a pochi passi di distanza mentre suonava seduto su una cassa della discoteca 'Cromie' di Castellaneta Marina . Il rocker di Zocca ha scelto la Puglia per tornare sul palco. Lo ha fatto durante la serata in suo onore, la 'Vasco Rossi dj project', dj session di tutti i suoi più grandi successi mesciappati e remixati dai più famosi dj sulla piazza (Tommy Vee e Daddy's Groove tra gli altri). Dopo tre ore di musica culminata con un esplosivo mix di tutti i vecchi pezzi eccolo... Era l'una di notte quando sulle note di 'Ho bisogno di te' ha preso la chitarra in mano e ha fatto quello che gli viene meglio al mondo, cantare e suonare in mezzo alla sua gente.

Un mini concerto acustico di 45 minuti con gli indimenticabili cavalli di battaglia. "Vita spericolata" e "Sally", "Tofee" e "Dillo alla Luna", "Tango della Gelosia", "Ogni volta", "Senza parole", "I soliti"... Per finire, come tradizione impone, con "Albachiara".

"L'ho   trovato in grandissima forma - racconta Tommy Vee- Era molto   emozionato  quello si. E' strano, ma di solito fa più paura suonare   davanti a  tremila persone piuttosto che a ottantamila. Tremila li vedi   in faccia  uno per uno. Allo stadio, l'habitat di Vasco, è come se   paradossalmente  fossi più protetto"

Avevo paura da morire,  ha del resto  confessato Vasco in  persona ai suoi tre milioni di  contatti su Facebook,  dimostrando a  cuore aperto che anche a 60 anni  ci si può rimettere in  gioco. E lui lo  ha fatto, e anche bene. Non era  stanco, non era  'spompato', non era  vecchio. Era solo Vasco.

"E'  un pubblico  diverso da quello cui è abituato - ci racconta  ancora  Tommy Vee - ma si  vedeva che era a suo agio. Non stava facendo   spettacolo, era come se  suonasse tra amici, raccontando pezzi di sè"

E infatti così è stato. Il Blasco interrompeva alcuni passaggi delle canzoni per metterci un commentino.. Come quando durante "Ogni volta" si è interrotto dopo aver cantato "ogni volta che qualcuno si preoccupa per me" come a dire: 'adesso basta preoccuparsi, sto bene!'

Ha fatto poi dei piccoli fuori programma come quando dopo Tango della gelosia ha suonato Dillo alla luna ammettendo: "questa non era in programma".

Colpo di scena infine con l'ingresso di Maurizio Solieri sulle  note di Sally...    Tripudio del pubblico. Vasco dice... "a questo punto ci vorrebbe  anche   il Gallo"... Ed ecco comparire il suo bassista e via via ha  fatto il  suo  ingresso tutta la band del Blasco in una reunion che   lontano  da malinconici passatismi guarda al futuro facendo sperare  che  il  prossimo giugno Vasco, il suo rock e la sua poesia tornino a   commuovere  gli stadi di tutto il paese.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>