Musica

Franz Schubert suonato da Maurizio Pollini: il capolavoro

Musica straordinaria e interpretazione unica: un classico da riscoprire

Maurizio Pollini (Getty Images)

Le ultime tre Sonate per pianoforte di Franz Schubert (nato a Vienna nel 1797 e morto lì nel 1828) sono il capolavoro estremo d'un genio in bilico fra la propria grandezza e la vicinanza timidissima, non solo temporale ma d'alloggio addirittura, al gigante di Beethoven. Morto il quale nel 1827, la sorte gli concesse ancora un anno. Un unico altro anno di capolavori prima impensabili, come questi tre monumenti che hanno numero di catalogo Deutsch 958, 959 e 960.

 

Non esiste incisione più bella di quella realizzata da Maurizio Pollini a metà degli anni 80. Profondità sonora da titano, sguardo di ragione oltre il limite del comune immaginabile e un fraseggio, comunque, così intimo che fu la prima prova della sua straordinaria poetica di oggi. Da volutamente oggettivista che era, e quasi senza cedimenti alla pur piccola emozione, il pianista più grande d'Italia s'è addensato di vita coi decenni. E d'intuizioni dilanianti per chiunque l'ascolti a mente e cuore aperti.

Twitter: @NazzarenoCarusi

Crediti
Franz Schubert
Le ultime 3 Sonate per pianoforte
Maurizio Pollini
(DGG)

© Riproduzione Riservata

Commenti